Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Storie vere di violenza sulle donne, reading in Provincia con le protagoniste tra il pubblico

Iniziativa per celebrare il 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne

 

Il 25 novembre è la giornata internazionale dedicata all’eliminazione della violenza sulle donne e in questi giorni sono numerose le iniziative dedicata e porre l’attenzione su un tema che, purtroppo, appare sempre più attuale. Nella sala consiliare del palazzo della Provincia di Piacenza si è tenuto nel pomeriggio di oggi, mercoledì 22 novembre, un evento pensato per mettere sotto i riflettori storie di violenza ordinaria e straordinaria subite da donne, più che altro giovani, al momento seguite e aiutate da associazioni come Protezione della Giovane, Cif, Casa del Fanciullo, Le Mani tra le nuvole, Arcobaleno, Coordinamento donne Cisal e Centro di pronto intervento minori. Erano presenti anche le protagoniste ma i riflettori, naturalmente, sono stati posti non tanto sulle persone ma sulle loro storie, lette da rappresentanti delle varie associazioni. 

Quattro gli “atti” che hanno animato l’aula consiliare della Provincia, anche con accompagnamento musicale. Il primo si è incentrato sulle testimonianze di tre donne richiedenti asilo, accolte presso la Protezione della Giovane, le cui storie parlano di una guerra in cui troppo spesso il corpo femminile è campo di battaglia. Il secondo ha riportato invece il dialogo tra un bambino vittima di violenza assistita, accolto presso la Casa del Fanciullo, e il suo educatore. Il terzo momento ha visto protagonisti due uomini che, dopo aver compiuto reati contro le donne, hanno intrapreso un percorso presso il Centro italiano di Promozione della Mediazione. A concludere la serie di racconti, la testimonianza di un’altra giovane richiedente asilo che ha trovato ospitalità presso la Protezione della Giovane e quella di una donna vittima di maltrattamenti familiari, aiutata dalla Onlus Arcobaleno.
A dare voce a queste figure, cui saranno attribuiti nomi di fantasia, sono intervenuti cittadini e appartenenti ad alcune delle realtà organizzatrici. L’accompagnamento musicale è stato affidato al maestro Francesco Castagna, diplomatosi nel 2014 in mandolino al Conservatorio di Milano “G.Verdi”, a sua volta volontario dell’Associazione Mani tra le Nuvole Onlus. Contestualmente, nella Sala consiliare è stata esposta l’opera “Donna”, risultato di un ciclo di laboratori promossi dall’Associazione Mani tra le Nuvole Onlus, che nel febbraio 2017 hanno coinvolto i ragazzi di Spazio Belleville e del Centro provinciale per l’Istruzione degli adulti di Piacenza.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento