menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento delle operazioni

Un momento delle operazioni

Alghe nei canali irrigui, al via la rimozione meccanica con una barca

Immessa nei canali, riesce a muovere i sedimenti in alveo e a estirpare le radici rallentandone la crescita con un risparmio di tempo e di risorse e ottenendo anche un miglior deflusso dell’acqua

Siamo all’apice della stagione irrigua e, in bassa Valdarda, l’acqua viene pompata da Po e immessa in un circuito di canali con quote diverse. Qui le alte temperature e la presenza costante di acqua nei canali, unita allo scorrimento lento della risorsa, favoriscono la proliferazione di alghe che se non rimosse ostruiscono griglie, pompe di sollevamento, condotte e sottopassi irrigui. «Fino a ieri il personale del consorzio rimuoveva la pianta acquatica manualmente e, nei periodi più caldi della stagione, anche 24 ore su 24. Oggi, invece, è partita in via sperimentale la rimozione meccanica delle alghe grazie all’impiego di una piccola imbarcazione che immessa nei canali e con l’aiuto di frese, riesce a muovere i sedimenti in alveo e a estirpare le radici delle alghe rallentandone la crescita con un risparmio di tempo e di risorse e ottenendo anche un miglior deflusso dell’acqua» commenta Fausto Zermani, Presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza. «Con questa imbarcazione, le alghe, vengono rimosse in modo assolutamente naturale e ricrescono ogni 15-20 giorni» continua Danilo Savi, tecnico responsabile della zona dell’Arda. «Il personale, al fine di garantire la massima efficienza nella gestione e nella distribuzione, sta monitorando l’attività sperimentale in modo costante e continuato» conclude Fausto Zermani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento