Le dichiarazioni / Alseno

Alseno, Casarola: «Finalmente ci sarà una opposizione costruttiva»

La capogruppo di minoranza: «Rammarico per la scelta del sindaco Zucchi di non assegnare la delega alla sanità»

Volevo ringraziare le persone che ci hanno sostenuto e votato in queste elezioni. Dopo 5 anni, finalmente Alseno avrà anche una minoranza oltre alla maggioranza, come è giusto che sia.  Ci aspetta un grande impegno; il nostro compito sarà quello di vigilare e ispezionare tutto quello che sarà l’operato della maggioranza, con un lavoro sicuramente costruttivo, ma se necessario anche critico. Auguro un buon lavoro a tutti noi». Esordisce così Valentina Casarola al primo Consiglio comunale per l’insediamento della nuova Amministrazione di Alseno.

Assieme a Gaia Arata, Luca Speroni e Simone Bussandri, Valentina Casarola è stata eletta alle ultime comunali quale rappresentante della minoranza con la sua lista UniAmo Alseno. «Sapevamo che sarebbe stato arduo scardinare un’amministrazione uscente dopo dieci anni di mandato, ma siamo orgogliosi del percorso che abbiamo svolto e non potevamo chiedere di più agli alsenesi. Lavoreremo per tutti gli elettori ed i sostenitori che hanno riposto la loro fiducia in noi, portando la loro voce e le loro necessità in consiglio comunale. Saremo il pungolo della maggioranza». Prosegue Casarola: «Il nostro obiettivo è sempre stato quello di riportare un’opposizione ferrea e responsabile quale punto di partenza dal quale costruire un’alternativa credibile alla maggioranza.

Perché è bene ricordare che in confronto al 2014 l’amministrazione ha incrementato di 600 voti, ma i risultati delle ultime elezioni dicono anche che rispetto alle elezioni del 2019 ne ha persi 500 di consensi». Dispiaciuta per le parole spese dal consigliere Rosi in riferimento all’assenza durante la proclamazione: «Mi sono congratulata immediatamente con il neoeletto sindaco sui social, ancora prima dell’ufficializzazione quando ormai i giochi erano fatti. Spiace essere additati come quelli indolenti e irriverenti, ma la ragione della nostra assenza va imputata a quei soggetti che prima, durante e anche dopo la campagna elettorale, apostrofandosi sempre quali “sostenitori di Progetto Alseno”, hanno condotto sui social comportamenti profondamente irrispettosi verso me ed i ragazzi della mia lista. Parlandone approfonditamente assieme, abbiamo ritenuto non opportuno presenziare alla proclamazione, viste anche le manifestazioni per la vittoria elettorale di alcuni facinorosi che in stile “hooligans” stavano avvenendo per tutto il paese».

Infine, una confessione: «Non nego che personalmente c’è un po’ di rammarico nella scelta di non assegnare l’assessorato alla sanità per il secondo mandato consecutivo. Viste anche le recenti evoluzioni in ambito sanitario della zona, penso alla dismissione del pronto soccorso di Fiorenzuola oppure alla situazione della medicina di gruppo del capoluogo alsenese, sarebbe stato un segnale forte per rassicurare la cittadinanza e garantire la vicinanza dell’amministrazione alla salute dei più piccoli, delle famiglie e degli anziani». Casarola conclude: «Vogliamo svolgere al meglio i nostri doveri di minoranza. Per i prossimi cinque anni noi ci siamo e ci saremo, per tutti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alseno, Casarola: «Finalmente ci sarà una opposizione costruttiva»
IlPiacenza è in caricamento