rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
Fiorenzuola Today Fiorenzuola d'Arda

«Andava premiato l’appuntato Montesano, invalido a causa del Covid»

Il “Nuovo sindacato carabinieri” polemizza con la decisione di assegnare un encomio solenne al comando provinciale di Piacenza (e di Rimini) per l’impegno legato alla pandemia

«L'encomio solenne per l'attività legata alla pandemia da Covid-19 andava assegnato a una persona in carne e ossa come l'appuntato Vincenzo Montesano, il carabiniere di Fiorenzuola, nel Piacentino, rimasto invalido al 100% per le conseguenze del virus. E non, come invece è avvenuto, ai comandi provinciali di Piacenza e Rimini». Lo sottolinea il Nuovo Sindacato Carabinieri, segreteria dell'Emilia-Romagna, in una lettera al ministro della Difesa e al Comando Generale dell'Arma. «E' nei “Montesano” - scrive il segretario Giovanni Morgese - che si rinvengono gli autentici eroi: l'appuntato coraggioso e di lungo corso sulle gazzelle del Radiomobile, che come altri carabinieri contrae il Covid per obbedienza, generosità, responsabilità, altruismo e altissimo senso del dovere. Meriti che, è bene sottolinearlo, sono stati percepiti con ritrosia da chi di dovere e che in seguito si sono parzialmente affermati, grazie alla determinazione di coloro i quali, “grande famiglia” a parte, hanno laboriosamente operato per permettere che “l'eroe”, pur con gravi invalidità permanenti, possa vivere quel meritato e dignitoso futuro che l'Arma, o meglio “la sua” Arma, forse non gli avrebbe concesso negli stessi termini».

Rispetto all'encomio tributato ai Comandi, per Nsc «è poco confortante leggere che l'Arma pare sia limitata ad autostimarsi e a darsi lustro valutando e premiando sostanzialmente se stessa, per l'innegabile e indiscusso contributo quotidiano e per l'alto valore dei suoi umili Carabinieri, che in verità si vorrebbero vedere remunerati e riconosciuti in altre sedi e ben altre autorità istituzionali». Sempre il sindacato emiliano-romagnolo ha poi sollevato un'altra questione, chiedendo conto del perché il portale istituzionale “Leonardo” fruibile per gli utenti dell'Arma «dispone infatti di un'area denominata “Leo Ufficiali”, che a quanto pare sarebbe preclusa, essa soltanto, a tutto il personale militare di rango diverso da quello di ufficiale».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Andava premiato l’appuntato Montesano, invalido a causa del Covid»

IlPiacenza è in caricamento