rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Fiorenzuola Today Fiorenzuola d'Arda

Biblioteca, dal 2017 il prestito dei libri diventa gratuito

Tra gennaio e febbraio del nuovo anno verrà abolita la tariffa attualmente in vigore di cinque centesimi al giorno per il prestito di libri. Prevista una sanzione di tre euro allo scadere del prestito (un mese), per incentivare il ricircolo dei libri

Prestito di libri gratuito a partire dal prossimo febbraio. Ad annunciarlo in una conferenza stampa convocata in Municipio è stato l’assessore alla Cultura Massimiliano Morganti, affiancato dal vicesindaco Paola Pizzelli, dal funzionario della biblioteca “Mario Casella” di Fiorenzuola, Francesco Mazzetta, dal funzionario dell’Istituto Beni Artistici Culturali Naturali Emilia-Romagna (Ibc), Giordano Vignali.

Da inizio anno non si pagherà più la tariffa giornaliera di cinque centesimi per il prestito di libri. Entrerà però in vigore una sanzione di tre euro allo scadere del periodo del prestito, stabilito ad un mese con possibile proroga, in modo da incentivare il ricircolo dei volumi.

«L’oggetto “libro” non deve essere considerato come uno strumento limitato all’uso commerciale, ma come mezzo di scambio di storie e del sapere. Le modalità di gestione della biblioteca in questi anni hanno permesso anche grazie agli introiti, di acquistare nuovi volumi senza pesare sulla fiscalità dei cittadini, ai quali vogliamo rendere questo spazio sempre più aperto».

Vignali, che ha portato i saluti della direzione dell’Ibc e dell’assessore Regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, ha spiegato che il provvedimento adottato dall’Amministrazione fa riferimento alla legge Regionale 18 del 200 nella quale vengono esplicati i servizi gratuiti fondamentali che le biblioteche devono erogare. «Una tariffa, seppur minima, - ha aggiunto – rappresenta un grande ostacolo alla diffusione delle conoscenze e della storia tra i cittadini: anche solo la lettura per svago viene considerata un diritto umano. E’ stata una scelta coraggiosa quella intrapresa dall’Amministrazione Comunale di Fiorenzuola che, in caso di bisogno, potrà chiedere sostegno alla Regione in base alle risorse a disposizione».

Francesco Mazzetta, funzionario responsabile della biblioteca di Fiorenzuola ha fatto il punto sull’importanza della sinergia che si è creata con le altre biblioteche piacentine: «Continua ad assumere una notevole importanza l’efficiente rete che si è creata a livello provinciale, grazie al Polo bibliotecario piacentino. Via via ci si rapporta anche con altre realtà a livello nazionale, grazie alle quali stiamo accontentando sempre di più i bisogni degli studenti universitari». Alla creazione di questo grande network ha dato un grande contributo il mondo del web: «La biblioteca di Fiorenzuola dispone di un sito sul quale vengono pubblicate in modo continuativo le novità presenti nei nostri scaffali – ha concluso Mazzetta -, mentre tramite il sito leggerepiace.it, con semplici click è possibile ricercare il volume che si desidera prendere a prestito nelle trentadue biblioteche piacentine collegate in rete».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biblioteca, dal 2017 il prestito dei libri diventa gratuito

IlPiacenza è in caricamento