FiorenzuolaToday

Calcio, cala il sipario sulla Serie D: Fiorenzuola – Sondrio 2 - 3. Mantelli lascia, arriva Francesco Salmi

Si chiude nel peggiore dei modi il campionato di Serie D per il Fiorenzuola, che va incontro alla quindicesima sconfitta stagionale. Con la conclusione del campionato, termina anche l'esperienza di Alberto Mantelli sulla panchina rossonera. Ad annunciarlo nella serata di ieri è stato il team manager Luca Baldrighi

Si chiude nel peggiore dei modi il campionato di Serie D per il Fiorenzuola, che va incontro alla quindicesima sconfitta stagionale ad opera di un Sondrio che, nonostante sia già condannato alla retrocessione, gioca una buona partita e crea una grande mole di gioco e di occasioni. Peccato, perché sarebbe stato sicuramente più esaltante terminare davanti al pubblico del Comunale con una prestazione migliore. I rossoneri chiudono in vantaggio per 2 a 1 il primo tempo, ma nel secondo scende in campo un Fiorenzuola completamente scarico, che subisce l’iniziativa ospite e viene infilato per ben due volte.

Primo tempo frizzante, caratterizzato da rapidi capovolgimenti di fronte, con entrambe le squadre che non hanno più nulla da perdere e giocano a viso aperto. Il Sondrio parte subito forte e dopo soli cinque minuti di gioco passa in vantaggio. Calcio d’angolo dalla mancina diretto sul primo palo, batti e ribatti nell’area piccola, Castagna sporca la conclusione di Ronzoni e Corradi viene battuto, 0-1. Dieci minuti più tardi Franchini è autore di una bella percussione centrale ma, una volta entrato in area, viene steso in modo irregolare. Per l’arbitro non ci sono dubbi nell’indicare il dischetto del rigore, della cui battuta s’incarica Girometta. L’attaccante fiorenzuolano spiazza Foppoli e la palla dopo aver colpito il palo interno entra in rete, 1-1. Al 21’ Sereni entra al posto di un Mameli a rischio espulsione, dopo essere stato già ammonito. Al 30’ bella azione personale di Pontiggia sulla sinistra, che serve Della Cristina lasciato solo all’altezza del dischetto del rigore, ma il centroavanti ospite spara sopra la traversa. Cinque minuti più tardi il Sondrio innesca un veloce contropiede, che lancia a rete Della Cristina, ma l’arbitro annulla il gol per sospetto fuorigioco.  Al 42’ Franchini è autore di una prodezza balistica dalla distanza, che porta in vantaggio i suoi e strappa gli applausi del Comunale, 2-1.  Nel secondo tempo sale in cattedra il Sondrio ed il Fiorenzuola fatica ad arginare l’iniziativa ospite. Al 46’ Molinelli prende il posto di Franchini. Per almeno tre volte i lombardi vanno alla conclusione da ottima posizione, ma gli attaccanti sono sempre imprecisi al momento del tiro. Gli sforzi del Sondrio vengono comunque premiati al 79', quando Della Cristina al termine di una bella azione personale trafigge Corradi per il meritato pareggio, 2-2. La reazione del Fiorenzuola tarda ad arrivare, così al 79’ è il Sondrio ad approfittarne con Pontiggia, che libera un preciso sinistro a giro che non lascia scampo a Corradi, 2-3. Cala così il sipario sulla stagione disastrosa del Fiorenzuola.

Fiorenzuola: Corradi, Fogliazza, Mameli (21' Sereni), Petrelli, Piva, Reggiani, Guglieri, Pighi (80' Masseroni), Girometta, Franchini (46' Molinelli), Castagna. A disp: Comune, Donati, Maggi, Morga. All. A. Mantelli

Sondrio: Foppoli, Mostacchi, Brandi, Ronzoni, Fiorina, Martinelli, Spaggiari, Speziale (90' Scaramellini), Della Cristina, Pontiggia, Codega (55' Fascendini). A disp: Chistolini, Mottarlini, Turati, Frigerio,Pologna. All. F. Marelli

Arbitro: Biffi di Treviglio (Cortinovis-Pellegrinelli)

Ammoniti Mameli (F), Mostacchi (S), Reggiani (F)

Reti: 5' aut. Castagna (F), 15' rig. Girometta (F) , 42' Franchini (F), 79' Della Cristina (S)

Mantelli lascia Fiorenzuola: chiamato Francesco Salmi sulla panchina rossonera

Mantelli-2Con la conclusione del campionato, termina anche l’esperienza di Alberto Mantelli sulla panchina rossonera. Ad annunciarlo nella serata di ieri è stato il team manager Luca Baldrighi, che a nome della società ha ringraziato pubblicamente il tecnico parmigiano per la professionalità sempre dimostrata e l’attaccamento ai colori rossoneri. Baldrighi ci ha tenuto a sottolineare come “Con Alberto sono stati anni di grandi soddisfazioni ed ottimi risultati, non è sicuramente questa stagione tribolata che cancella la grande stima e riconoscenza che il Fiorenzuola ha verso di lui. Comunque il calcio è fatto di cicli e la società ha deciso che questo era il momento di aprire un nuovo capitolo. Alberto è un ottimo allenatore ed un uomo serio, con davanti una lunga carriera, ricca di soddisfazioni.”    

Arrivato dal Fidenza nel 2012 insieme al DS Guarnieri, Alberto Mantelli apre un nuovo ciclo che porta al secondo tentativo i rossoneri in Serie D, vincendo il campionato al termine di una stagione esaltante. L’anno successivo, da neo promossa, il Fiorenzuola viene eletta squadra rivelazione e sfiora i play off. Quest’anno Mantelli lotta sino alla fine per salvare i rossoneri dalla retrocessione, dimostrando un sincero attaccamento alla società e alla maglia. Dopo l’esonero, non si tira indietro e torna in panchina nel disperato tentativo di aggiustare una stagione disastrosa. Ma nulla può fare, con una rosa sbagliata in estate e ricostruita in corsa nel mercato di riparazione.

salmi_francesco-2Al suo posto ci sarà Francesco Salmi. A 59 anni, è considerato sulla piazza uno che non molla mai. Un allenatore affidabile, controcorrente, soprattutto uno che sa vincere. Dall’esordio in carriera 25 anni fa, nelle squadre dove è passato lui ha sempre lasciato il segno. Tra queste: Poggese, Crociati Parma, Mezzolara, Crevalcore, Formigine, Castelfranco, Scandiano, Castenaso, Castellarano, Correggese e Lentigione. Persona carismatica, con otto campionati vinti in sei diverse società e più di dieci stagioni passate in Serie D. L’ultima sua impresa in ordine di tempo è stata la promozione in Serie D, due stagioni fa, con la corazzata Lentigione del patron Amadei, che gli è valsa la chiamata nella Beretti della Reggiana, dove quest’anno ha preparato i ragazzi per il salto in prima squadra e per alcuni di loro l’esordio tra i professionisti.  

Tecnico d’esperienza, abituato a lavorare in piazze importanti e gestire giocatori di forte carattere e personalità. Ha allenato calciatori affermati del calibro di Miftah, Addona e Savi. Ha avuto anche il merito di lanciare giovani talenti come Varricchio, che poi ha vinto col Napoli di Reja in Serie C, il portiere Nordi, oggi all’Alessandria, Mezgour, Tarana, Morini.

Col suo arrivo in rossonero si apre un nuovo ciclo per il Fiorenzuola, con l'obiettivo primario di tornare in Serie D il più velocemente possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento