Lunedì, 20 Settembre 2021
Fiorenzuola Today Cortemaggiore

Centrodestra diviso a Cortemaggiore, Mario Fantini guiderà una lista civica

«Trovo assurdo, dopo decenni di buon governo, dover scendere a patti con la minoranza avendo la soluzione in casa, rinunciando di fatto a proseguire la strada insieme a persone che hanno dimostrato con i fatti di avere a cuore, più di ogni altra cosa, il bene del nostro paese»

Mario Fantini - foto Facebook

«In seguito delle dichiarazioni rilasciate dagli esponenti di Lega e Fratelli di Italia, visto e considerato che nell’esposizione dei fatti accaduti vengono omesse parti significative, e che vengo chiamato in causa a più riprese, mi preme chiarire alcuni aspetti della questione che ritengo fondamentali per la corretta comprensione della vicenda». Lo scrive Mario Fantini, assessore uscente della Lega. 

«Ho espresso la mia disponibilità a candidarmi a sindaco di Cortemaggiore in data 27 luglio 2021, a più di un mese dalla presentazione delle liste elettorali, quando ho capito che la situazione di stallo nella coalizione di centrodestra non accennava a sbloccarsi, e addirittura che Lega e FDI stavano prendendo accordi più o meno ufficiali con un gruppo di minoranza da sempre osteggiato dalla Lega stessa, scelta che ritengo scellerata e che non potevo assolutamente condividere e dalla quale ho preso le distanze. Rendendomi disponibile alla candidatura alla carica di Sindaco, ho messo davanti a tutto, anche alla mia vita privata e lavorativa, il bene comune. Ho comunicato la mia disponibilità ai rappresentanti della Lega locale, provinciale e regionale il giorno stesso, con la speranza, per non dire certezza, che questa mia disponibilità fosse accolta con favore, visto che la mia figura di rappresentante della Lega era sempre stata condivisa da tutti e ci avrebbe permesso di affrontare la tornata elettorale mantenendo gli attuali equilibri amministrativi nel rispetto degli accordi verbali presi 5 anni fa tra tutte le parti della coalizione (Lega - FI – FDI)».

«Dopo qualche giorno di, a mio avviso, inspiegabile imbarazzo, ai primi di agosto gli esponenti del mio partito mi hanno comunicato che la decisione della Lega era comunque di puntare sul Commissario provinciale Luigi Merli, assessore uscente come me, scelta legittima, ma che di fatto portava ad una spaccatura nel centrodestra. Non mi risulta tra l’altro che il vicesindaco Alice Marcotti, con la quale ho collaborato fattivamente in questi 5 anni di mandato, abbia mai esternato la pretesa di candidarsi a Sindaco, nonostante anni e anni vissuti a spendersi in prima persona per le sorti di Cortemaggiore. Trovo assurdo, dopo decenni di buon governo, dover scendere a patti con la minoranza avendo la soluzione in casa, rinunciando di fatto a proseguire la strada insieme a persone che hanno dimostrato con i fatti di avere a cuore, più di ogni altra cosa, il bene del nostro paese».

«Motivo per il quale ho deciso comunque di proseguire seguendo un altro percorso, mettendomi a disposizione di chi volesse intraprendere insieme a me e a gran parte dell’Amministrazione uscente un cammino di rinnovamento nella continuità. Guiderò quindi una lista civica alle prossime elezioni del 3-4 ottobre, facendo una scelta coerente, forse non con le mere logiche di partito, ma con la mia onestà intellettuale, e soprattutto, volta a garantire unicamente il bene dei cittadini di Cortemaggiore. Con questo mio intervento vorrei chiudere definitivamente la questione, poiché ritengo che i cittadini di Cortemaggiore non meritino di vedere le sorti del paese ridotte a puri slogan elettorali o gare di accuse sui media che non portano a nulla».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrodestra diviso a Cortemaggiore, Mario Fantini guiderà una lista civica

IlPiacenza è in caricamento