FiorenzuolaToday

Centrodestra: «La manifestazione di Bologna in linea con il percorso avviato a Fiorenzuola»

Pezzani, Morganti, Pizzelli e Tribi: «Dopo 18 anni di continua gestione targata centrosinistra, avvertiamo la necessità di cambiare al più presto il colore politico dell’amministrazione del Comune di Fiorenzuola»

Gli esponenti del centrodestra di Fiorenzuola

«La  manifestazione di domenica scorsa a Bologna, promossa dalla Lega Nord potrebbe essere foriera di importanti risvolti anche in ambito comunale a Fiorenzuola». 

A parlare sono i responsabili delle forze cittadine del centrodestra Andrea Pezzani (Lega Nord), Massimiliano Morganti (Fratelli d’Italia -An), Paola Pizzelli (Forza Italia) e Romano Tribi (Popolari e Liberali).

«Siamo più che soddisfatti di constatare che il percorso di convergenza e confronto da noi avviato a Fiorenzuola già da questa estate risulta essere  in linea con la volontà di ricostruzione del centrodestra  che si sta delineando a livello nazionale».

«La manifestazione di Bologna – spiegano - ha segnato  la necessità di smussare alcune differenze per l’urgente obiettivo  comune di scalzare il Governo Renzi  con le sue politiche fallimentari per il Paese e di andare quanto prima a nuove elezioni.  L’Italia deve tornare ad essere un Paese normale, dove tutti pagano le tasse e pagano il giusto, dove ognuno deve sentirsi sereno in casa propria , dove per chi delinque vi sia la certezza della pena e dove si possa ridare forza alle imprese, all’agricoltura e a tutte le eccellenze di cui siamo ricchi».

«E così come per il Paese che vogliamo, avvertiamo anche la necessità di cambiare al più presto il colore politico dell’amministrazione del Comune di Fiorenzuola. In questi 18 anni di continua gestione targata centrosinistra  della nostra città, si è infatti assistito alla progressiva deindustrializzazione e allo svuotamento del centro storico; all’abbattimento di uno dei due padiglioni dell’Ospedale e al crollo verticale della qualità degli spazi e delle infrastrutture pubbliche con l’emergere di un  progressivo e sconfortante degrado urbano».

«Questi argomenti,  che da soli sarebbero già sufficienti a pretendere da noi il massimo impegno per il cambiamento, - aggiungono -  sono oggi ulteriormente rafforzati dalla certezza che solo un’azione amministrativa animata dai valori di riferimento del centrodestra potrà invertire questa tendenza. Abbiamo, infatti una visione molto chiara di quali siano le priorità più urgenti per la città: aumentare con politiche mirate la percezione di sicurezza dei cittadini,  rilanciare lo sviluppo economico con la valorizzazione delle importati aree a disposizione, garantire il nostro totale impegno perché  Fiorenzuola torni ad avere un vero ospedale con sale operatorie e reparti di avanguardai che abbiamo un chiaro ruolo nel panorama della sanità piacentina e non solo».                                                                            

«Su questi temi si va delineando una assonanza programmatica che ha radici profonde e che ci consente di proseguire con entusiasmo nel percorso di confronto e costruzione dell’alternativa al Pd e alla coalizione Fiorenzuola Insieme che nei fatti ormai non esiste più.7  Il nostro è un percorso aperto anche a coloro che, provenendo dalla società civile, potranno portare un valore aggiunto di freschezza ed entusiasmo. Siamo nel contempo indifferenti alle ultime risibili polemiche interne al centrosinistra cittadino, che, ormai frantumato in tre o più schieramenti, si cimenta in un patetico scaricabarile dell’ultimo minuto dove chi ha avuto la responsabilità di amministrare in tutti questi anni, conscio dei propri fallimentari risultati cerca di rifarsi una nuova verginità a scapito degli ex compagni di cordata in vista delle prossime elezioni».

«Pensiamo  - concludono - che oggi sia molto più serio e coerente disegnare i contorni della Fiorenzuola del futuro al di fuori di queste logiche».          
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento