FiorenzuolaToday

Consulta giovani, al via i lavori in cinque Comuni del distretto di Levante

Il progetto, avviato nei Comuni di Fiorenzuola, Carpaneto, Castelvetro, Cortemaggiore e Podenzano, in collaborazione con la Cooperativa sociale l'Arco, ha l'obiettivo di sperimentare nuove ed efficaci modalità di coinvolgimento e partecipazione dei giovani alla vita sociale, civica e politica

I giovani promoter del progetto

I Comuni di Fiorenzuola, Carpaneto, Castelvetro, Cortemaggiore e Podenzano, hanno avviato un progetto di Consulta giovani in collaborazione con la Cooperativa sociale l'Arco, volto alla sperimentazione di nuove ed efficaci modalità di coinvolgimento e partecipazione dei giovani alla vita sociale, civica e politica della comunità di riferimento. 

«Il progetto "Voci Giovani in Comune" nel distretto di Levante della provincia di Piacenza – ha spiegato Daniela Dallavalle, referente di Arco per il progetto -  intende promuovere la cittadinanza giovanile responsabile, attraverso l'attivazione di iniziative e dispositivi di partecipazione diretta dei giovani in ogni ambito territoriale. Il progetto si propone di attivare un percorso strutturato e condiviso per l'istituzione di organismi consultivi, composti da giovani e Adulti attivi nel settore della gioventù e nell'area socioeducativa. I membri della Consulta e i diversi attori coinvolti nelle attività della stessa, sono chiamati a partecipare direttamente alla costruzione e alla pianificazione delle scelte programmatiche e delle strategie delle amministrazioni comunali in tema di politiche giovanili».

L'obiettivo primario della Consulta giovani è quello di incentivare ed accrescere nelle giovani generazioni la responsabilità individuale ed il senso di appartenenza alla propria comunità; la comprensione dei valori della partecipazione e delle regole condivise, e il processo di consulte giovani levante-2dialogo che sta alla base delle stesse; la conoscenza delle attività e del lavoro delle istituzioni, quali luoghi di rispetto e tutela del legame societario, dei valori democratici e dei principi di affermazione della cultura della legalità.

La missione e le attività della Consulta giovani nel distretto di Levante si muovono contemporaneamente in due direzioni: verso i giovani attraverso il coinvolgimento di ragazzi del territorio e realtà associative sia formali che informali e verso il mondo adulto sia istituzionale (organismi politici) che educativo (operatori giovanili e socio-educativi e volontari).

Gli educatori della Cooperativa, per attirare l’attenzione dei giovani residenti nei cinque comuni, hanno coinvolto un gruppo di ragazzi dai 18 ai 23 anni. Il loro compito sarà quello di promuovere le attività della Consulta ai loro coetanei. «I referenti istituzionali del Comune, i giovani, e le realtà giovanili attive sul territorio lavoreranno insieme – ha aggiunto Milena Mazzini, educatrice del centro Arco di Fiorenzuola - , attraverso momenti di dialogo, incontro e confronto, per la costruzione di percorsi condivisi e partecipati, che permettano di conoscere le necessità della componente giovanile della popolazione e di risponderne consapevolmente, nonchè di formulare scelte politiche e programmatiche in un'ottica di inclusione e partecipazione di tutte le parti interessate».

Nel mese di aprile, i giovani promoter del progetto hanno dato inizio alla costruzione delle consulte nei cinque ambiti territoriali, grazie a tecniche di animazione socio-educativa ed istituzionale, finalizzata a patrimonializzare gli apprendimenti maturati.

In questo mese dovranno approvare la Carta dei Valori della Consulta e lo Statuto, mentre a giugno dovranno promuovere le attività della Consulta e i programmi definiti da tenersi nei luoghi istituzionali e nei luoghi di aggregazione giovanile del territorio.

Le date degli incontri nei vari comuni verranno pubblicate sulla pagina Facebook "Voci Giovani in Comune"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento