FiorenzuolaToday

«FioreNext, la cittadella dell’innovazione per stimolare i giovani»

E' questa l'idea del candidato sindaco Giuseppe Brusamonti, presentata alla stampa nella mattinata del 20 febbraio. Brusamonti ha inoltre illustrato illustrato l'intenzione di costruire un "programma partecipato" in vista delle prossime elezioni

Sopra e sotto, Giuseppe Brusamonti con alcuni sostenitori

Si chiamerà FioreNext ed è la cittadella dell’innovazione giovanile che Giuseppe Brusamonti vuole creare all’interno dei locali dell’ex municipio di Corso Garibaldi in disuso dal 2001. L’aspirante sindaco di Fiorenzuola ha lanciato l’idea nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella mattinata del 20 febbraio proprio all’interno dell’edificio. Allo stesso tempo Brusamonti ha lanciato l’avvio del percorso di “programma partecipato” con i cittadini in vista delle elezioni amministrative.

Accanto a lui era presente un gruppo di fiorenzuolani che lo sostiene e che lo sta supportando nella stesura dei progetti per rilanciare Fiorenzuola. Tra questi quello di FioreNext. «Vogliamo istituire all’interno dell’ex comune uno spazio di CoWorking riservato in particolare ai giovani under 35 – ha spiegato Brusamonti - Spazi dotati di strutture e reti in cui si possano miscelare le varie professionalità presenti. Un punto di aggregazione importante che va unito anche con il progetto di collocare la biblioteca al pianterreno».

Un progetto che negli intenti del candidato risponde sia all’esigenza di stimolare i giovani di Fiorenzuola che si affacciano al mondo del lavoro offrendo loro una opportunità anche in termini di abbattimento di costi, sia di ravvivare il viale principale di Fiorenzuola recuperando una struttura che da 16 anni IMG_0410-2è inutilizzata.

L’assegnazione dei posti, che avrebbe una durata di uno o due anni, avverrà tramite bando comunale il quale terrà in considerazione la residenza (priorità ai residenti a Fiorenzuola), la situazione economica del candidato e la coerenza dell’idea di impresa con l’utilizzo dello spazio che viene offerto. «Sarebbe un modo per restituire a Fiorenzuola nuovi professionisti e nuove opportunità di crescita economica, aumentare fiducia in un sistema comunale che fa da ponte tra gli studi ed il lavoro, la possibilità tra i coworker di intraprendere già tra di essi un sistema di network». Brusamonti ha infine spiegato che la volontà è quella di presentare un progetto concreto in collaborazione con le università e per la fattibilità economica «andremo a intercettare fondi regionali e dell’Unione Europea».

PROGRAMMA PARTECIPATO - In vista delle primarie e delle elezioni, Brusamonti ha illustrato l’intenzione di costruire un “programma partecipato”, aperto alle istanze dei cittadini. «In questi giorni sto incontrando le diverse realtà del territorio. Per questo è ben accetto qualsiasi consiglio o suggerimento. Potete contattarmi tramite l'indirizzo mail FiorenzuolaTua@giuseppebrusamonti.it, oppure sulla pagina Facebook brusamonti-per-fiorenzuola, o il profilo twitter @brusamonti2016».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento