FiorenzuolaToday

Gardesa, lo storico marchio delle porte blindate torna ad essere italiano

Bertolotto conclude l'acquisizione della piacentina Gardesa. Il 30 dicembre la firma dell'accordo che mantiene impianti e forza lavoro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Completata da parte di Bertolotto S.p.A. l'acquisizione di Gardesa, storico e riconosciuto marchio a livello mondiale di porte blindate. La firma dell'accordo è avvenuta a Cortemaggiore il 30 dicembre tra Claudio Bertolotto e i rappresentanti di Assa Abloy, il gruppo svedese leader globale nelle soluzioni di accesso, che dal 2008 era proprietario dell'azienda. Bertolotto S.p.A. incorpora così la totalità della produzione di porte blindate Gardesa, rilevandone la struttura, gli impianti produttivi, gli edifici e mantenendone la forza lavoro. Un'operazione che porta l'azienda di Torre San Giorgio (Cuneo) a consolidare e ampliare il suo ruolo di riferimento nel mondo delle porte italiano e internazionale, completando la gamma dei propri prodotti con la linea dedicata alla sicurezza dell’ingresso. “Siamo felici di questa unione perché, oltre a riconoscere la forza del marchio Gardesa che ci renderà più forti sui mercati, - dichiara Claudio Bertolotto, Amministratore Delegato - sappiamo di condividere i valori di una tradizione che è alla continua ricerca di qualità per un prodotto che veste e arreda le case dei nostri clienti. E non nascondo l’orgoglio di far tornare nel nostro Paese un brand che nasce e cresce in Italia. La nostra sfida è affiancare le competenze di due realtà differenti per creare una sinergia che, ne sono certo, porterà con l’impegno di tutti al successo".

Torna su
IlPiacenza è in caricamento