rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Fiorenzuola Today Fiorenzuola d'Arda

Gli alunni dell’Istituto Comprensivo in prima linea per il “Decalogo del buon cittadino”

Elaborare alcuni messaggi visivi del "vivere bene insieme" da rivolgere a tutta la cittadinanza, sfogo alla fantasia e alla creatività dei bambini. E' questo l' obiettivo del "Decalogo del buon cittadino", promosso dal Comune di Fiorenzuola, dall'Istituto Comprensivo, dal quotidiano Libertà e dall'associazione Vetrine in Centro Storico.

Elaborare alcuni messaggi visivi del “vivere bene insieme” da rivolgere a tutta la cittadinanza, sfogo alla fantasia e alla creatività dei bambini.

E’ questo l’ obiettivo del “Decalogo del buon cittadino”, promosso dal Comune di Fiorenzuola, dall’Istituto Comprensivo, dal quotidiano Libertà e dall’associazione Vetrine in Centro Storico.

Il progetto, che vede coinvolti gli alunni delle scuole materne, elementari e medie (fino alla seconda) di Fiorenzuola, insieme ai ragazzi dei centri socio-riabilitativi, sarà una campagna di sensibilizzazione che non dovrà lasciare nessuno indifferente e che verrà portata all’attenzione del Consiglio comunale.

L’iniziativa è stata illustrata alla presenza del sindaco di Fiorenzuola Giovanni Compiani, dell’assessore alla Pubblica istruzione Sara Lusignani, del dirigente scolastico Mario Magnelli, del direttore del quotidiano Libertà Gaetano Rizzuto, delle insegnanti Giovanna Guarnotta, Liviana Rastelli ed Elena Pasquali e di una rappresentanza delle classi quarte elementari dell’Istituto Comprensivo.

I bambini potranno realizzare disegni, fotografie, video, striscioni, cartelloni che verranno esposti in alcuni dei luoghi più frequentati della città: quindi negozi, centri commerciali, uffici comunali e scuole.

Tutti gli elaborati pervenuti entro il 30 aprile verranno messi in vetrina in occasione di una grande festa che si terrà alla fine di maggio, mentre una giuria sceglierà i migliori che verranno premiati e pubblicati sulle pagine di Libertà.

Secondo il Magnelli “si tratta di un progetto ad ampio respiro, che punta a lanciare messaggi importanti a tutti i cittadini”.

Il sindaco Compiani ha raccontato la genesi dell’iniziativa: “Durante un viaggio con il direttore Rizzuto, ci siamo fermati a Nancy, in Francia, e abbiamo notato dei cartelli realizzati da bambini e ragazzi. Abbiamo dunque pensato di importare a Fiorenzuola l’iniziativa: attraverso le idee e la fantasia dei bambini, puntiamo a rivolgerci a tutta la città. La nostra città deve essere trattata come noi trattiamo casa nostra: non vorrei più vedere atti vandalici, rifiuti gettati a terra, auto parcheggiate dove non dovrebbero essere parcheggiate, persone alla guida dell’auto con il telefonino in mano”.

Gaetano Rizzuto, direttore di Libertà, ha parlato di un’iniziativa inedita per quanto riguarda l’Italia: “In questa occasione i bambini reciteranno il ruolo dei maestri. Saranno loro a richiamare l’attenzione su dieci regole che in una comunità dovrebbero essere osservate da tutti”.

Sulla stessa linea l’assessore Lusignani, mentre le insegnanti hanno invitato i bambini a lanciare agli adulti messaggi chiari ed eloquenti, “a dirci dove sbagliamo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli alunni dell’Istituto Comprensivo in prima linea per il “Decalogo del buon cittadino”

IlPiacenza è in caricamento