menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle recenti edizioni a Rovereto (foto: TrentoToday.it)

Una delle recenti edizioni a Rovereto (foto: TrentoToday.it)

Il Comune si candida per ospitare la corsa ad ostacoli più famosa in Europa

La “Fisherman’s Friend StrongmanRun” potrebbe arrivare a Fiorenzuola nel 2019. L'Amministrazione ha presentato la candidatura a Rcs Sport, il gruppo che da sette anni organizza la manifestazione a Rovereto (Trento)

Non solo enogastronomia ma anche sport. Nel Progetto di promozione e marketing del territorio 2019-2020, l’Amministrazione comunale ha inserito, oltre a due appuntamenti targati “Fiorenzuola – Città della gastronomia”, una manifestazione del tutto nuova per il territorio. Si tratta della “Fisherman’s Friend StrongmanRun”, una delle corse ad ostacoli più famose in Europa e introdotta in Italia nel 2012 da Rcs Sport. «Da sette anni viene organizzata a Rovereto in Trentino, ma il Comune ha voluto raccogliere tempestivamente la disponibilità del gruppo Rcs a cambiare la location dell’evento» - hanno spiegato gli assessori Marcelo Minari e Lorenza Rossi.

La Giunta ha presentato, con una delibera approvata nei giorni scorsi, un progetto alla Regione per la richiesta di finanziamenti da dedicare alla promozione del territorio. «Puntiamo innanzitutto sui prodotti De.Co. come gli anolini – hanno aggiunto gli assessori - e a tal proposito a marzo avremo la terza edizione del “Festival dell’Anolino”. Ad aprile, al piatto della nostra tradizione se ne aggiungeranno altri come le sprelle, la bortellina e i chisolini, proposti per un intero week-end nella “Rassegna dei prodotti De.Co. e di Qualità”. Infine è nostra intenzione agganciare una manifestazione sportiva ricreativa, unica sul piano nazionale e che per la prima volta arriverà in territorio regionale. Pensiamo infatti che la Fisherman’s Friend StrongmanRun sia in grado di calamitare non solo su Fiorenzuola, ma su un bacino ben più vasto, un pubblico notevole che produrrà immediatamente effetti benefici diretti sul tessuto commerciale, produttivo e ricettivo del nostro territorio».

La corsa

Otre a muscoli allenati, tanta fatica e ostacoli sempre più impegnativi da superare, viene richiesto uno spirito goliardico che permette, a chi lo desidera, di presentarsi alla linea di partenza travestito coi i costumi più fantasiosi. Con l’ultima edizione del 2017 il tetto totale di partecipanti italiani dal 2012 ha raggiunto 32mila e cinquecento runner. Il percorso è un anello da percorrere due volte e ogni giro ha una massima distanza di dieci chilometri. La gara si svolge in prossimità della campagna e, nel caso di Fiorenzuola, potrebbe riguardare anche una piccola parte del centro. «La sicurezza e la stabilità degli ostacoli sono i requisiti base per una buona riuscita dell’evento» hanno aggiunto Minari e Rossi che alcune settimane fa hanno effettuato un sopralluogo insieme a tecnici del gruppo Rcs, risultato positivo. «Ora bisognerà attendere la comunicazione da parte dell’organizzazione – hanno spiegato -, con la quale si saprà se sarà Fiorenzuola ad accogliere la prossima edizione della manifestazione». Hanno concluso Marcello Minari e Lorenza Rossi: «A beneficiarne non saranno solo le attività del territorio, ma anche i servizi turistici: i partecipanti potrebbero fermarsi per almeno due giorni e questo comporta un risvolto di notevole interesse per gli esercizi del settore ricettivo e della gastronomia locale. Sarà inoltre garantita una campagna di comunicazione di almeno 10 mesi prima dell’evento, articolata in centoventi uscite stampa su Gazzetta dello Sport, Sportweek e Corriere della Sera».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

social

Bonus vacanze 2021: come funziona?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento