FiorenzuolaToday

Il Gruppo Scout di Fiorenzuola compie 40anni

Campeggi e festeggiamenti stanno coinvolgendo i giovani Scout sulle colline in Provincia di Reggio Emilia

Gli Scout di Fiorenzuola (foto Trespidi)

Il 1975 è un anno anno che gli Scout del Fiorenzuola 1 non dimenticheranno. E' l'anno della rifondazione del gruppo dopo lo scioglimento avvenuto durante il periodo fascista. Da quel lontano 1975 sono trascorsi 40anni e l'Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) di Fiorenzuola, ha in programma un serie di iniziative, in occasione di questo importante traguardo.

Quarant'anni in cui il gruppo Fiorenzuola 1 è cresciuto, ampliando i propri orizzonti: non raccoglie solo Scout di Fiorenzuola, ma anche giovani provenienti da Alseno e Salsomaggiore. Generazioni di giovani si sono formati grazie al cammino Scout Per vedere la presenza di Scout sul nostro territorio, bisogna tornare indietro al 1922 quando si aprì uno dei primi gruppi dell’ Asci (Associazione Scout Cattolici Italiani) e tra i Lupetti si contava anche Amedeo Bosi, diventato poi sacerdote e parroco a Piacenza nella parrocchia del Preziosissimo Sangue. Il gruppo fu poi sciolto come tutti i gruppi italiani ma rinacque nel dopoguerra. Nonostante gli scout avessero cessato l’ attività, il loro spirito era comunque ancora presente, tant’è che i campeggi parrocchiali, tradizionalmente ubicati a Casali di Morfasso, si svolgevano con la guida di Don Mario Boselli, sotto le tende e con fuochi di bivacco e attività piuttosto simili a quelle degli Esploratori.

scout 2-2-2Fu il prof. Mauro Rosi nel 1975, allora ancora studente delle superiori, ad entrare in contatto con lo scautismo piacentino e, in seguito ai buoni auspici del prof. Norberto Ramella di Piacenza, Responsabile di Zona, a farsi promotore per la rinascita di un gruppo nella nostra città, con Don Boselli come primo Assistente Ecclesiastico. L’ anno successivo si aggiunse il Reparto femminile e al quarto anno di attività il Noviziato Rover/Scolte e il Branco. Nel 2009 il gruppo ha accolto anche Reparto, Branco, Clan e capi del gruppo CNGEI di Lusurasco, che ha scelto di aderire alla nostra associazione. Il 2010 è l'anno del 35° anniversario.

Oggi il gruppo dispone di diversi spazi, dove settimanalmente svolge le proprie attività: i Lupetti e le Coccinelle (i bambini dagli 8 agli 11 anni) si riuniscono nel weekend nelle sedi di Fiorenzuola (Ex Liceo) e di Lusurasco. Le Guide e gli Esploratori (ragazzi dai 12 ai 16 anni) svolgono le attività nella sede di via Mazzini, inaugurata nel 2010. Il Noviziato e il Clan, ultima tappa del cammino Scout (ragazzi dai 16 ai 21 anni), si riuniscono in Canonica. In tutto sono un centinaio i ragazzi delle tre branche, che seguono un sentiero formativo basato sul gioco, sulla competenza e sulla comunità: questo sentiero permette loro di crescere e prepararsi alle relazioni vere, autentiche, per essere “buoni cittadini” impegnati per prestare servizio al prossimo. Tutti insieme, per festeggiare l'anniversario, sono riuniti in questi giorni per il campo di gruppo, a Giarola sulle colline in Provincia di Reggio Emilia. Qui inizialmente sono giunti il Branco, il Cerchio e il Reparto (Esploratori e Guide). I Rover e le Scolte del Clan e del Noviziato, hanno trascorsoo invece alcuni giorni di cammino (di Route) sugli Appennini , tra le Province di Forli e Arezzo per poi raggiungere Giarola.

IL BILANCIO - Negli ultimi due anni le Branche del Fiorenzuola 1, hanno affrontato percorsi differenti. I lupetti del branco “Fiore Rosso” e le coccinelle del cerchio “L’altra parte del cielo” hanno vissuto, nel corso delle loro attività, lo spirito del donarsi gratuitamente agli altri e del dare il giusto valore alle cose. I giochi e le attività manuali e spirituali hanno avuto come filo conduttore l’importanza e la semplicità del fare qualcosa verso il prossimo, per “lasciare il mondo migliore di come lo hanno trovato”.  I due reparti hanno potuto vivere un sentiero molto particolare: Esploratori e Guide hanno intrapreso un cammino sulla conoscenza di sé stessi con l’obiettivo di riuscire ad apprezzare la ricchezza che è racchiusa nell’incontro con il Prossimo. L’anno è proseguito e i sentieri di esploratori e guide si sono separati, iniziando così un nuovo cammino sulla propria identità di Uomini e di Donne

.Il reparto femminile, formato da 31 giovani ragazze, ha iniziato a lavorare su un’Impresa pionieristica dimostrando di essere Donne capaci di fare, in grado di destreggiarsi tra nodi, legature e pesanti pali esattamente come fanno gli uomini, realizzando altari, portali e alzabandiera, stravolgendo così ogni tipo di stereotipo. Il reparto maschile, composto da 26 ragazzi, ha iniziato a vivere esperienze che li potesse mettere in difficoltà con l’obiettivo di riuscire, insieme, a superarle attraverso una buona preparazione.  I novizi , i rover e le scolte del noviziato “La radice” e del Clan ”Endevour”, hanno partecipato alla Route Nazionale che l’estate scorsa ha radunato 30.000 scout nel Parco di San Rossore, in Provincia di Pisa. I giovani hanno lavorato sul tema del “coraggio di essere cittadini”, in particolare hanno trattato dell’immigrazione. In questo periodo hanno “aperto una finestra” sull’amore: grazie ad incontri e testimone, “si sono tuffati” nelle varie sfaccettature di questa tematica. Le riflessioni edmerse potrebbero tradursi in una veglia o in uno spettacolo, per poterle trasmettere alla cittadinanza. In ultimo, in occasione dell’anniversario, gli Esploratori e le Guide di Fiorenzuola hanno organizzato una pulizia del Parco Lucca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento