FiorenzuolaToday

«Inopportuna l'organizzazione del "Mercato di qualità". Si è pensato alla tutela della salute?»

La manifestazione è in programma il 15 novembre a Fiorenzuola. Nando Mainardi (Sinistra per Fiorenzuola) ha presentato un'interrogazione: «Evitare assembramenti e scorrettezza nei confronti di chi è costretto a tenere i negozi chiusi»

Una veduta del mercato di Fiorenzuola in una foto di repertorio

«E' inopportuna l'organizzazione del "Mercato di qualità" vista la situazione di crescente emergenza sanitaria in cui ci troviamo». Lo scrive Nando Mainardi, consigliere comunale di Sinistra per Fiorenzuola, anticipando la presentazione di un'interrogazione alla Giunta. La manifestazione, la cui organizzazione è stata concessa dal Comune che ha predisposto anche l'ordinanza viabilistica per piazza Cavour, è prevista per domenica 15 novembre dalle 8 alle 19. «Quali valutazioni - scrive Mainardi - ha fatto l'Amministrazione in merito alla tutela della salute delle persone, ovvero degli ambulanti e dei visitatori? Non bisognerebbe evitare le occasioni di assembramento? Mi chiedo anche se sia corretto nei confronti di altre categorie economiche che in queste settimane stanno facendo i conti con le limitazioni stringenti derivanti dagli ultimi Dpcm e dalla propagazione del virus».

Prosegue la nota del consigliere: «Le indicazioni istituzionali sono molto chiare e sono disponibili presso il sito della Prefettura di Piacenza: alla domanda presente nella Faq predisposta dal Ministero dell'Interno, riferita alle regioni che si trovano in "zona gialla", "Nella nozione delle fiere, vietate dal Dpcm, rientrano anche manifestazioni locali con prevalente carattere commerciale?", si legge la seguente risposta: "Sì, tali manifestazioni, anche a carattere di natura fieristica, come nel caso dei cosiddetti mercatini di Natale, ma realizzate fuori dall'ordinaria attività commerciale in spazi dedicati ad attività stabile o periodica di mercato, sono da assimilare alle fiere e sono quindi vietate". Il significato è perciò chiarissimo. Chi ha deciso di organizzare ciò nonostante questo evento? Con quale atto amministrativo?». «Riteniamo che, in questa fase difficilissima, non ci debba essere nessuno spazio per forzature e la politica dei piccoli favori» - conclude Mainardi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento