rotate-mobile
Fiorenzuola Today Lugagnano Val D'Arda

L’equipaggio Fontanella-Covelli vittorioso alla 46° Castell’Arquato-Vernasca

In quaranta al via da Lugagnano

Cronometri e panorami sono stati protagonisti assoluti della 46esima edizione della Castell’Arquato-Vernasca, gara di regolarità organizzata dal Club Piacentino Automotoveicoli d’Epoca con una quarantina di auto ai nastri di partenza di Lugagnano. Dagli anni Trenta ai Novanta, su e giù per le colline che hanno riservato panorami mozzafiato ai partecipanti.

Il presidente del Cpae Claudio Casali ha sottolineato la spettacolarità delle strade percorse dai concorrenti che hanno richiamato specialisti della regolarità e principianti delle lancette: ancora una volta infatti un occhio di riguardo è stato posto nei confronti di chi solo da poco ha scoperto il mondo delle gare di regolarità, con un occhio al cronometro ed un altro ai tanti borghi storici visitati, da Castell’Arquato a Vernasca passando per Vigoleno tra vigneti e colline.

Dopo il via da Lugagnano, con l’assessore al Turismo Ivan Leppini ad accompagnare la bandiera a scacchi, le auto si sono cimentate in un percorso di una novantina di chilometri comprensivi di una manciata di prove di abilità che hanno disegnato la classifica finale. A vincere l’equipaggio Fontanella-Covelli (Cpae) su FIAT 514, modello del 1930. Parla anni Trenta anche la seconda vettura sul podio, la FIAT 508 C110 condotta da Giampaolo Limoni (3T Cremona). Si passa invece agli anni Settanta per il terzo gradino dove sono saliti Seneci-Bonera (Musical Watch Veteran Car Club) a bordo di una Innocenti Mini Cooper 1300 Export. In casa Cpae dietro ai trionfatori Fontanella e Covelli ecco gli equipaggi Malvicini-Crosignani (MG TA Sport) e Forelli-Cleonici (Autobianchi A112 Junior).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’equipaggio Fontanella-Covelli vittorioso alla 46° Castell’Arquato-Vernasca

IlPiacenza è in caricamento