FiorenzuolaToday

Lo sequestra e gli spara un colpo vicino a un piede: non gli aveva procurato la droga

In carcere su ordinanza di custodia cautelare un 52enne tossicodipendente di Besenzone. L'uomo aveva anche aizzato il proprio cane contro i carabinieri: in casa armi rubate. Lo avrebbe portato in una zona isolata dopo averlo sequestrato e rapinato di cellulare, chiavi e documenti

Le armi sequestrate all'uomo

Sequestro di persona, detenzione e porto illegale di armi, ricettazione, estorsione, rapina e resistenza a pubblico ufficiale. E' accusato di questi reati un 52enne di Besenzone che su ordinanza di custodia cautelare richiesta dal pm Matteo Centini e spiccata dal gip Stefania Di Rienzo, è stato portato alle Novate nella mattinata del 10 maggio. L'uomo con precedenti specifici, a metà febbraio, avrebbe sequestrato un uomo e gli avrebbe sparato anche in mezzo alle gambe, non centrandolo volontariamente, per spaventarlo. Si tratta di un violento episodio maturato nell'ambiente dello spaccio e della tossicodipendenza nella Bassa. La vittima un tossicodipendente di Fiorenzuola di 41 anni ha raccontato quanto successo ai carabinieri nonostante fosse stato minacciato pesantemente. Era a bordo della sua auto con un amico, stavano andando al Sert di Cortemaggiore quando il 52enne ha tagliato loro la strada, ha prelevato l'uomo e lo ha fatto a bordo del suo furgone con la forza, una volta arrivati in una zona di campagna nei pressi di Caorso lo ha fatto scendere e gli ha puntato un'arma.

La colpa del 41enne era quella di aver ricevuto 50 euro per procurare all'arrestato dell'hascisc ma non lo aveva fatto nei tempi richiesti e si era tenuto i soldi, di lì la reazione violenta. Lo ha minacciato dicendo di voler indietro i 50 euro e altri 100 per il ritardo nell'approviggionamento dello stupefacente, non solo lo ha rapinato del cellulare, delle chiavi dell'auto e dei documenti per poi sparargli un colpo vicino ad un piede: «Corri, corri. Ti faccio la festa, ti sparo in una gamba se lo dici a qualcuno», gli avrebbe intimato. Dopo la sfuriata lo ha fatto salire a bordo di nuovo e lo ha riportato alla sua auto. Il 41enne spaventato e sotto choc si è rivolto ai carabineri di Cortemaggiore che insieme a quelli dell'Aliquota Operativa di Fiorenzuola hanno avviato le indagini.  Qualche giorno dopo i militari si sono presentati a casa dell'uomo a Besenzone. Alla vista dei carabinieri ha cercato di impedirne l'accesso aizzando contro di loro il proprio rottwailer. Nell'abitazione hanno trovato due carabine ad aria compressa con potenza superiore a 7.5 joule e una doppietta da caccia calibro 12, provento di furto, oltre a carte bancomat e carte di credito rubate. Ora l'uomo, al termine delle indagini è stato arrestato e  si trova alle Novate in attesa in attesa dell'interrogatorio di garanzia. E' difeso dall'avvocato Silvia Preda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento