Mercoledì, 28 Luglio 2021
Fiorenzuola Today

Monticelli, evade e poi chiede aiuto ai carabinieri: «Venite a prendermi»

Un romeno, ai domiciliari in una comunità da cui è fuggito dopo aver subito soprusi da altri ospiti, aspetta i militari al bar e quando loro arrivano dice: «Siete degli amici, mi scuso per avervi disturbato». Processato per evasione, ha chiesto di tornare nella struttura

«Vi aspetto al bar, venite a prendermi». Più che costituirsi, quell’uomo voleva chiedere aiuto ai carabinieri «che sono amici miei». I militari della stazione di Monticelli lo hanno raggiunto e non hanno potuto far altro che arrestarlo con l’accusa di evasione. Quando li ha visti, l’uomo ha detto: «Scusatemi se vi ho disturbato». Un romeno di 44 anni è stato processato con rito direttissimo il 22 giugno dopo l’arresto per evasione. Al termine dell’udienza, il giudice Sonia Caravelli  ha convalidato l’arresto come chiesto dal pm Paolo Maini e non ha disposto misure cautelari. L’uomo così - lo ha difeso l’avvocato Veronica Bardugoni - sempre accompagnato dai “suoi amici” carabinieri, è tornato nella comunità dove si trova agli arresti domiciliari.

La vicenda è avvenuta sabato a Monticelli. Il 44enne telefona ai carabinieri e dice loro di essere fuggito dalla comunità. Li sta aspettando in un bar, vicino a lui una valigia con gli effetti personali. I militari arrivano e lo trovano in attesa. Subito, il romeno racconta loro di essersene andato perché stanco di essere perseguitato da altri ospiti e di non farcela più a vivere in quel luogo. Ai domiciliari per alcuni vecchi reati - tra cui furto e rapina - l’uomo si è visto precipitare addosso la crudezza della vita. Per anni ha lavorato come operatore socio sanitario in una struttura del Pavese. Poi la moglie ha deciso di separarsi e di tornare in Romania con i figli. Lui non ha retto ed è cominciato un periodo di difficoltà e di depressione. Perso il lavoro, l’uomo ha commesso alcuni reati ed è stato condannato. E’ finito in una comunità - dove svolge alcuni lavoretti - ma è stato preso di mira da alcuni ospiti che gli hanno reso la vita difficile. Da qui la decisione di andarsene. Al giudice ha spiegato la sua situazione - ringraziando sempre i carabinieri «si informano sempre di come sto quando vengono per i controlli» - e, riflettendo, ha chiesto di non finire in carcere, ma di provare ancora la vita in comunità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monticelli, evade e poi chiede aiuto ai carabinieri: «Venite a prendermi»

IlPiacenza è in caricamento