FiorenzuolaToday

Operativa la nuova ambulanza veterinaria. «Siamo in pochi, servono volontari»

Presterà servizio su tutto il territorio piacentino, la nuova ambulanza veterinaria gestita dall'Associazione Agri Ambiente Emilia Romagna

Da sinistra Manzi, Granelli e Lingurar, vicino alle auto e all'ambulanza

E' ufficialmente operativo su tutto il territorio piacentino, il Servizio SoS ambulanza veterinaria gestito dall'Associazione Agriambiente Emilia Romagna, con sede a Cadeo. L'Associazione, che si occupa tra l'altro della gestione del Canile Intercomunale di Fiorenzuola, ha così attivato il Servizio di Soccorso e Recupero Animali SoS ed ha in essere pure una convenzione con la Provincia di Piacenza per il recupero fauna selvatica “mammiferi”, un centro di Formazione per operatori e guardie.

La notizia è stata data dal legale rappresentante, non che coordinatore regionale dell'Associazione, Dr. Massimo Granelli Ph.D. «Si tratta di un servizio rivolto a tutti gli animali in difficoltà e feriti. Il soccorso è un servizio gratuito (sino alla clinica convenzionata o non), mentre il recupero di animali vaganti e randagi è a carico del Proprietario o delle Amministrazioni Comunali interessate per competenza di territorio». Su chiamata delle Forze dell'Ordine, del 118 o dei privati, gli operatori intervengono dalle sedi operative presenti sul territorio: la sede principale è a Cadeo, la secondaria a Fiorenzuola.

P1090211-2Gli animali feriti vengono trasferiti nei centri convenzionati o dal Veterinario dell'Associazione. Se non si tratta di randagi, le spese per le operazioni, per le visite e per i medicinali degli animali, gravano sul proprietario. Inoltre, come in tutte le Pubbliche Assistenze, con l'ambulanza vengono effettuati servizi vari come il trasporto personalizzato, visite veterinarie domiciliari e il dog sitter.

Agriambiente E.R. attualmente dispone di tre mezzi: due auto e l'ambulanza. Le auto, oltre che ad essere di supporto all'ambulanza, vengono utilizzate anche dai volontari che prestano servizio vigilanza in qualità di Guardie Giurate Eco Zoofile. In tutto le persone che prestano servizio nell'Associazione sono circa 25, che si suddividono tra Operatori di Soccorso (coordinati da Granelli) e Guardie Ambientali “EcoZoofile” (coordinate da Mihaela Lingurar responsabile provinciale).

«In venticinque siamo pochi» ha spiegato Granelli. «La nostra idea sarebbe quella di avere un maggior numero di volontari riuscendo così ad organizzare, dopo aver frequentato corsi di formazione, turni di persone in grado di intervenire 24 ore su 24 tutto l’anno».

Ma il problema di fondo non sono solo le risorse umane: «Le spese che ci permettono di effettuare questo nuovo servizio dobbiamo coprirle con le nostre risorse – ha sottolineato il vice di Granelli, Gianluca Manzi -. Il gasolio delle macchine e dell'autoambulanza costa, non possiamo rischiare di restare a piedi allo squillo del telefono, e lasciare un animale ferito in mezzo alla strada. Aspettiamo quindi sia nuova gente che possa dedicare un po' di tempo al soccorso animali, sia qualche piccola donazione da parte dei cittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento