FiorenzuolaToday

Ospedale di Fiorenzuola, costruzione del Blocco B: Ati vince l'appalto

Appalto per la progettazione esecutiva e costruzione del nuovo blocco B dell'ospedale di Fiorenzuola: la commissione aziendale incaricata ha terminato il 16 luglio l'esame delle offerte pervenute: ha vinto Ati del Bergamasco

Appalto per la progettazione esecutiva e costruzione del nuovo blocco B dell’ospedale di Fiorenzuola: la commissione aziendale incaricata ha terminato il 16 luglio l’esame delle offerte pervenute.

Vincitrice è stata dichiarata l’Associazione temporanea di imprese (Ati) che raggruppa le ditte Coedil Srl, Fenini Srl, Diesse Electra Srl e Gianni Benvenuto Spa e che ha sede a Martinengo, nel Bergamasco. 
L’Ati ha presentato un ribasso del 4,946 per cento rispetto al valore dell’appalto, che è di 8.350.000 euro. 
Le offerte inizialmente pervenute erano quattro:

- Quella della Pessina Costruzioni Srl è stata esclusa perché il progetto non è risultato completo rispetto alle richieste del bando. La ditta ha presentato ricorso al Tar, che ha respinto l’istanza. 
- Il punteggio ottenuto dall’esame dell’offerta tecnica presentata da Seli Manutenzione di Monza non ha permesso all’impresa di partecipare dall’apertura dell’offerta economica. 
- L’altra offerta economica esaminata dalla commissione era quella dell’Ati piacentina costituita dalle ditte Edilstrada Building, Impresa Cogni Spa e Cella Gaetano Srl e si è classificata seconda con un ribasso più limitato rispetto all’impresa vincitrice. “Si tratta di un ulteriore passo avanti – commenta il direttore generale Ausl Luca Baldino – nella ricostruzione dell’ospedale di Fiorenzuola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento