menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ospedale, Mainardi a Gandolfi: «Sicuri che riapra il pronto soccorso?»

Il consigliere comunale di Fiorenzuola: "Il servizio di pronto soccorso implica la presenza di specialisti di cui, a oggi, l'ospedale non dispone"

"Siamo sicuri che a partire da lunedì 7 settembre riapriranno i pronto soccorso di Fiorenzuola e Castel San Giovanni? O forse, semplicemente, viene ampliata l'apertura dei Ppi (punti di primo intervento) da 12 a 24 ore?". Se lo chiede il consigliere comunale di "Sinistra per Fiorenzuola", Nando Mainardi. "La differenza non è di poco conto e va ben al di là delle sigle e degli aspetti nominalistici, dato che - contrariamente al pronto soccorso - il punto di primo intervento non interviene nel caso di problematiche specifiche sanitarie, ma rinvia alla sede centrale di Piacenza. Questo perché il servizio di pronto soccorso implica la presenza di specialisti di cui, a oggi, l'Ospedale di Fiorenzuola non dispone".

Si chiede sempre Mainardi: "Ha realizzato il sindaco di Fiorenzuola che la figura dell'anestesista, fondamentale appunto per il funzionamento del pronto soccorso, non sarà presente nell'arco di tutte le 24 ore e tutti i giorni della settimana? O che il cardiologo è tornato all'Ospedale di Fiorenzuola non grazie alle richieste istituzionali dei Comuni, ma perché c'è stata una sentenza del Tribunale che ha reintegrato il professionista nella struttura di Fiorenzuola?". Conclude il consigliere comunale di minoranza: "Certo, che il PPI riprenda a essere operativo per tutto il giorno, rispetto al taglio orario di qualche mese fa, è un passo in avanti, ma è ora di finirla, per il resto, di fare i venditori di fumo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento