Lunedì, 21 Giugno 2021
Fiorenzuola Today

Spacciavano droga nei giardini pubblici: sei arresti, tra i clienti anche molti minorenni

Operazione dei carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola alle prime ore di giovedì 14 febbraio: durante le perquisizioni recuperato anche un etto di marijuana

Foto di repertorio

Sei persone - tre ventenni, un 21enne, un 22enne e un ragazzo di 28 anni -  sono state arrestate per spaccio nelle scorse ore dai carabinieri della Compagnia di Fiorenzuola. Si tratta di un’operazione che ha preso il via nei mesi scorsi e che ha consentito - fanno sapere dalla Procura di Piacenza -  di «interrompere un emergente sodalizio di giovani fiorenzuolani che mirava alla gestione e controllo della locale piazza di spaccio, cedendo hashish e marijuana a numerosi assuntori, spesso anche minorenni». Ora si trovano tutti agli arresti domiciliari.

Il blitz è scattato nelle prime ore di giovedì 14 febbraio: nel corso della perquisizione dell’abitazione di uno dei sei indagati sono stati sequestrati cento grammi di marijuana, nascosti in uno zainetto. È stato così anche arrestato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Le indagini hanno preso il via tra settembre e dicembre del 2018 grazie ad una serie di controlli effettuati dal Nucleo operativo e radiomobile e dai carabinieri della stazione, i quali avevano denunciato già dieci persone, dai 17 ai 21 anni, anni tutte incensurate.

L’attività di spaccio avveniva nei luoghi frequentati dai giovanissimi, in particolare nei pressi dei giardini pubblici. Essendo però in pieno centro abitato, non sono passati di certo inosservati dai residenti della zona che da tempo, allarmati, segnalavano ricorrenti situazioni di degrado ai militari dell’Arma. Di fondamentale aiuto ai carabinieri sarebbero state anche le testimonianze degli acquirenti. «Era un gruppo ben organizzato, con posizioni di vertice e ruoli assegnati a ciascun membro» fanno sapere sempre dalla Procura. «Sono state ricostruite tutte le modalità di gestione della “piazza” di spaccio, permettendo di individuare e definire le modalità di cessione delle sostanze stupefacenti». Oltre alle sei persone finite agli arresti domiciliari, un 17enne denunciato a dicembre sempre nell’ambito di queste indagini, è stato affidato ad una comunità terapeutica nel Parmense. Un 21enne macedone, invece, è stato sottoposto alla misura della libertà controllata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciavano droga nei giardini pubblici: sei arresti, tra i clienti anche molti minorenni

IlPiacenza è in caricamento