FiorenzuolaToday

Stagione Teatrale, si parte il 13 novembre con Moni Ovadia

Il sindaco Compiani: «Spettacoli di qualità anche in momenti di crisi economica: possono essere motivi di crescita intellettuale per contrastare un vuoto di cultura: dobbiamo dare respiro alla mente delle persone e continuare a sostenere la cultura della Città»

La conferenza stampa nella quale è stata illustrata la stagione teatrale 2015/2016

Tredici spettacoli di musica e prosa, ai quali se ne aggiungono altri sette di arte contemporanea. Venti appuntamenti quindi per la stagione teatrale che prenderà il via nella serata di venerdì 13 novembre con lo spettacolo “Tra a terra e il cielo”, un concerto/spettacolo, con la voce narrante di Moni Ovadia, sul motivo per cui Pasolini amava profondamente Bach.

La rassegna del teatro Verdi di Fiorenzuola è stata presentata dal sindaco Giovanni Compiani e dall’assessore alla Cultura, Augusto Bottioni, al tavolo con Roberta Marchelli di Coopertaive Gutenberg, Alessandro Terenziani dell’Associazione “Matassa e Fabio Torrendini, consulente per la realizzazione del programma.

«Quella di quest’anno sarà una stagione teatrale molto interessante. E lo sarà anche se l’organizzazione diventa sempre più difficile a causa della crisi economica. Abbiamo compagnie che vengono quasi gratuitamente e a prezzi molto bassi. Siamo riusciti a tenerla in piedi grazie alle tante persone, come i volontari impegnati nella gestione del teatro, gli sponsor, che ogni anno danno un loro sostegno. Ai finanziamenti delle aziende si aggiungono i biglietti. Gli spettacoli che abbiamo proposto possono essere motivi di crescita intellettuale per contrastare un vuoto di cultura: dobbiamo dare respiro alla mente delle persone e continuare a sostenere la cultura della Città».

Anche Bottioni ha sottolineato le difficoltà economiche incontrate e ha aggiunto: «Quello di quest’anno è un anno particolare perché ricorre il decimo anniversario dalla riapertura del teatro (è stato ristrutturato nel 2006 ndr). Per questo motivo abbiamo voluto formulare un titolo originale, “SpiritOsaMente”: bisogna affrontare con spiritualità e sarcasmo le problematiche che ci circondano».

Come detto, agli spettacoli che andranno in scena al Verdi, se ne aggiungeranno altri che saranno ospitati dall’Ex Scuola di Baselica, riportata alla luce due associazioni di giovani: il Collettivo 14 e l’Associazione Matassa. La struttura, durante la prima serata, sarà intitolata a Pier Paolo Pasolini, al quale sarà dedicato lo spettacolo di apertura della stagione teatrale.

P1110546-2L’Associazione Matassa, insieme all’Associazione Culturale Crisalidi e con il contributo artistico di SciaraProgetti proporrà dei Base Off, una serie di serate di arte e teatro contemporaneo. Al termine di ogni messa in scena il pubblico potrà partecipare al “Dopo Spettacolo”, momenti di approfondimenti con gli attori o i registi.

«Ancora una volta – ha concluso l’assessore alla Cultura - abbiamo scelto di facilitare la partecipazione del pubblico giovane, grazie a tariffe che, a parità di qualità, sono estremamente contenute. Proporremmo anche alle scuole Medie e Superiori, la possibilità di portare una classe a rotazione gratuitamente».

Gli spettacoli della stagione teatrale 2015/2016

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento