FiorenzuolaToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Telecamera rotta da mesi nel sottopasso della stazione. Contenti finché tutto va bene»

Un cittadino segnala su un social «lo stato di incuria e abbandono in cui versa il sottopassaggio pedonale della stazione di Fiorenzuola: la telecamera inquadra le mattonelle. Un'aggressione qui è decisamente più probabile che in strada»

 

«Dopo gli ultimi avvenimenti (scorribande di ragazzini e risse in stazione, nda) il tema sicurezza è senza dubbio più sentito che mai». Lo scrive un fiorenzuolano su un social, segnalando «lo stato di incuria e abbandono in cui versa il sottopassaggio pedonale ferroviario. Non parliamo di rifiuti, di quelli potremmo parlarne per decenni senza risolvere nulla, ma bensì di tutela del cittadino. Saranno ormai mesi che la telecamera installata versa in queste condizioni pietose». L’occhio elettronico infatti risulta semi-staccato dal muro e rivolto verso il basso, riprendendo di fatto, se ancora in funzione, il pavimento. Continua il post: «La vera domanda che mi pongo è: possibile che nessuno si sia accorto che una telecamera guardi perennemente delle mattonelle? Ci sarà pure qualcuno preposto al controllo della videosorveglianza cittadina. Ma come si dice in questi casi, finché va tutto bene tutti sono contenti». Il sottopasso è sfruttato tutti i giorni, fino a sera, dai pendolari che ogni giorno prendono il treno e che posteggiano l’auto nel parcheggio di via dei Tigli, di fronte al cimitero. Poi per raggiungere la stazione utilizzano il sottopasso che attraversa i binari. «Un'aggressione in quel posto è decisamente più probabile che in strada», conclude il cittadino che ha pubblicato alcune foto per testimoniare lo stato in cui versa la zona.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento