Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un laboratorio che simula una catena produttiva: così gli studenti si preparano al mondo del lavoro»

Giovedì 20 maggio sarà inaugurato un nuovo laboratorio al polo scolastico Mattei di Fiorenzuola, realizzato con il contributo di Confindustria Piacenza, del Consorzio di formazione FOR.P.In e di alcune imprese associate. Gli studenti potranno perfezionale la loro formazione

Tre macchine separate che si possono studiare singolarmente ma che messe insieme possono simulare una vera e propria catena produttiva complessa. All’Istituto Professionale e a quello Tecnico Tecnologico del polo scolastico Mattei di Fiorenzuola c’è un nuovissimo laboratorio di automazione, realizzato con il contributo di Confindustria Piacenza, del Consorzio di formazione FOR.P.In e di alcune imprese associate. Gli studenti potranno perfezionale la loro formazione.  

«Dal polo Mattei, che ha uno stretto rapporto con il territorio, ogni anno escono diplomati e periti tecnici, elettrotecnici e meccanici. Confindustria ha avuto l’idea di coinvolgere industriali per finanziare l’acquisto di strumentazioni all’avanguardia che sono un valore aggiunto per la nostra scuola: i nostri ragazzi possono prepararsi concretamente, durante l’orario scolastico, attraverso questi macchinari e quindi essere pronti ad entrare nel mondo del lavoro» - ha spiegato la professoressa Marica Toma. Dalla preside Rita Montesissa arriva un ringraziamento a Confindustria e agli imprenditori che hanno creduto nel progetto, tenuto a battesimo lo scorso anno. Ora si è concretizzato e spazi e strumentazioni saranno pienamente attivi per contribuire alla qualità della formazione dell’istituto: qui i ragazzi metteranno in pratica le loro conoscenze teoriche in tema di automazione, elettrotecnica e sensoristica, tutti ambiti tematici che hanno grande applicazione nelle industrie meccaniche.

L’inaugurazione è in programma giovedì 20 maggio alle 11 alla presenza della dirigenza scolastica, insegnanti, rappresentanti di Confindustria e imprenditori. Sarà possibile seguire l’evento sul canale Youtube della scuola “webtvmattei”. Intanto con le nostre telecamere, accompagnati dal professore Stefano Patruno abbiamo visitato il laboratorio: ecco, nel video, come funziona.

La nota di Confindustria

Il potenziamento dei laboratori delle scuole, ricorda il Presidente Francesco Rolleri è una strada che abbiamo intrapreso già da qualche anno, convinti che grazie alla verifica sul campo di quanto appreso sui testi, i ragazzi possono prendere pieno possesso delle materie di studio.  Il che ne fa certamente dei diplomati con un valore aggiunto. Toccherà certamente e successivamente alle aziende, a seconda delle loro specificità, formarli compiutamente ma già aver visto a scuola le applicazioni pratiche li rende molto più competenti ed in grado di accelerare il loro ingresso nel mondo del lavoro. 

Il laboratorio, che era partito sotto la presidenza di Alberto Rota, doveva essere messo in opera già nello scorso anno scolastico ma la sua inaugurazione è slittata a causa della pandemia. Segue l’investimento fatto presso l’ISI Marconi di Piacenza dove nel 2017 è stato allestito il laboratorio PRO.ME.CA. Altri interventi si stanno facendo anche presso il Polo Volta di Castel San Giovanni.

«Inaugurare un nuovo laboratorio è un momento di grande soddisfazione per tutte le componenti scolastiche - afferma la Dirigente scolastica Rita Montesissa - inferiore solo all'inaugurazione di un intero edificio scolastico perché il laboratorio è in senso etimologico proprio il luogo dove gli studenti diventano protagonisti operosi del proprio apprendimento, dove il sapere diventa saper fare e dove il provare a fare crea a sua volta sapere. Se poi il laboratorio è attrezzato con moderne apparecchiature tecnologiche, allora diventa anche lo spazio nel quale gli studenti si impadroniscono di tecniche nuove, al passo con il veloce evolvere dei sistemi produttivi del mondo di oggi. Allestire un laboratorio tecnologico è sempre operazione lunga e complessa per una scuola perché i costi delle attrezzature sono spesso elevati. Questo nostro Techno lab ha avuto la fortuna di essere stato attrezzato grazie alla generosità di lungimiranti aziende locali sotto l'egida di Confindustria, ai quali dobbiamo un sentito ringraziamento. Gli imprenditori ci hanno aiutato ad attivare i nostri giovani dando loro modo di imparare e mettersi alla prova e la Scuola potrà così restituire al mondo produttivo ragazzi più preparati e più pronti ad intraprendere una professione».

Si parla di

Video popolari

«Un laboratorio che simula una catena produttiva: così gli studenti si preparano al mondo del lavoro»

IlPiacenza è in caricamento