FiorenzuolaToday

Verso le Elezioni, sabato 13 marzo le primarie del Partito Democratico

I membri del comitato promotore: "Saranno primarie aperte anche ai non iscritti e a tutti coloro che si riconoscono nei valori del centrosinistra e del Pd". Nei giorni scorsi è stato ha approvato il Regolamento che contiene tutte le regole per partecipare e il Codice etico

Il comitato promotore delle primarie. Da sinistra: Loris Caragnano, Alessandra Fanti, Sara Lusignani, Celestino Scarani

Si svolgeranno domenica 13 marzo le primarie del Partito Democratico per scegliere il candidato sindaco per il Comune di Fiorenzuola d’Arda. Nei giorni scorsi il Comitato promotore - composto dal segretario di circolo Celestino Scarani, dal consigliere Alessandra Fanti e dall’assessore Sara Lusignani – ha approvato il Regolamento (che trovate qui di seguito) che contiene tutte le regole per partecipare e il Codice etico.

“Saranno primarie aperte anche ai non iscritti e a tutti coloro che si riconoscono nei valori del centrosinistra e del Pd – spiegano in coro i membri del comitato insieme con il segretario provinciale del Pd Loris Caragnano – il Pd offre uno spazio di gioco per cercare di arrivare all’appuntamento elettorale con una proposta che sia condivisa. L’unità è per noi un valore fondamentale e consideriamo queste primarie un momento di grande partecipazione politica. Auspichiamo che il confronto tra coloro che decideranno di candidarsi sia serrato sulle necessità del Comune, ma che sia comunque all’insegna della correttezza e della lealtà”.

Regolamento primarie Pd Fiorenzuola

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento