«Frana più complessa del previsto, ma si tenterà di aprire un passaggio sulla provinciale»

Tecnici della Protezione Civile e dell'Università di Modena al lavoro a Ferriere per valutare la gravità della frana tra Folli e Casalcò. Il sindaco Malchiodi: «Osserveranno anche la frana di Valle». La Provincia pensa a un passaggio sulla provinciale 654, Enel a come ricollegare i tralicci travolti

la frana che ha interrotto la strada provinciale 654

La frana tra Folli e Casalcò, nel territorio del comune di Ferriere, è stata oggetto di una prima fase di valutazioni nella mattinata del 2 dicembre. A Ferriere è infatti arrivato il personale della Protezione Civile dell’Emilia-Romagna e dell’Università di Modena. Attraverso Folli-Casalcò-13l’impiego di una piattaforma stabile installata a Canadello, i professionisti hanno potuto effettuare una prima analisi della gravità della frana che ha interessato la provinciale 654 “Valnure”. «Stanno cercando di capire lo spostamento della frana – spiega il sindaco di Ferriere Giovanni Malchiodi -. Ci hanno riferito, informalmente, alla luce dei primi aspetti che hanno verificato, che il suo movimento è ancora più complesso di quel che poteva sembrare dalle foto aeree scattate dal drone. Si sono sgretolate le rocce sopra la strada». Una prima stima parla di 900mila euro per la sistemazione della frana di Folli-Casalcò. Il Comune di Ferriere ha chiesto di prendere in considerazione anche una frana storica, quella di Valle, poco distante (800mila euro le risorse necessarie per il suo ripristino). «Gli esperti – informa il primo cittadino – ritorneranno anche nei prossimi giorni per studiare anche questa seconda frana». Gli abitanti del ferrierese, nel frattempo, continuano a chiedere a gran voce l’apertura di un passaggio sulla provinciale Folli-Casalcò-11654 nel tratto oggetto della frana. «Domani la Provincia di Piacenza – fa sapere Malchiodi – sarà a Folli con un escavatore di una ditta privata per vedere questa possibilità. Tenteranno, se le condizioni lo permettono, di aprire un passaggio. Anche oggi il clima non ci ha dato una mano, nei prossimi giorni però la situazione dovrebbe cambiare, facilitando il lavoro. Mi auguro che si riesca ad aprire un passaggio – si vedrà se pedonale o aperto anche alle auto, nda – per tutti. Questo dovrà avvenire in situazione di sicurezza però».

KO ANCHE I TRALICCI

Il sindaco negli ultimi giorni si è confrontato anche con Enel. «La frana ha messo ko anche i tralicci dell’energia elettrica - ricorda -, che sono stati tranciati. Per servire tutto il territorio oltre Casalcò è stato necessario, in questi giorni, utilizzare un generatore. Nella giornata di oggi il generatore è stato sostituito e questo ha comportato un black out di un paio d’ore per i residenti. Domani Enel studierà sul posto un modo per oltrepassare la frana e garantire la fornitura di corrente senza l’utilizzo del generatore».giovanni malchiodi-3

STRADA COLLA-VALLE-ROMPEGGIO

La strada comunale di Colla-Valle-Rompeggio – preziosa, vista l’interruzione della provinciale 654, ma precaria, viste le sue condizioni – sarà oggetto di alcuni interventi, suggeriti dal personale del Comune di Ferriere. Una specializzata posizionerà alcune reti metalliche di protezione per cercare di migliorare la situazione e impedire a sassi e detriti di cadere su alcuni tratti del percorso. 

Folli-Casalcò-14

Folli-Casalcò-12

Folli-Casalcò-9

Folli-Casalcò-13

Folli-Casalcò-15

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

  • Schianto fra tre auto, due donne ferite: una è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento