Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

Non togliamo la speranza ai giovani che si aspettano un pianeta migliore

Al "Climate Action Summit" dell'ONU 66 Paesi promettono emissioni zero entro il 2050

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha riunito a New York dal 21 al 23 settembre un importante summit sul clima, a margine della Assemblea Generale ed in vista della 25esima Conferenza delle Parti che si terrà il prossimo dicembre in Cile. L'Italia, rappresentata dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal Ministro all'Ambiente Sergio Costa, ha assicurato che si sta lavorando, per orientare il sistema produttivo, con meccanismi soprattutto incentivanti, verso il green new deal.  Il nostro Paese ha il primato di energia verde ed è stato descritto come uno dei più virtuosi nel perseguire la decarbonizzazione della economia e la svolta verso le energie rinnovabili. Inoltre, ha già centrato gli obiettivi di riduzione delle emissioni ad effetto serra, fissati per il 2020.

La Conferenza ha voluto evidenziare la necessità di raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi (Cop 21 - 2015) che mira a limitare l'aumento di temperatura a + 1,5° C, rispetto all'era preindustriale. Il quadro della situazione attuale non è incoraggiante; le emissioni globali annue di gas serra continuano a crescere e l'aumento di temperatura previsto per fine secolo potrebbe superare i + 3°C.  Senza un tempestivo cambiamento nelle politiche climatiche dei principali paesi emettitori, le implicazioni economiche, sociali e sulla salute diventeranno molto gravi. L'Europa è intervenuta in diversi modi nel tentativo di affrontare i temi ambientali: dal "pacchetto clima 20-20-20" (Ridurre le emissioni di gas serra del 20%, alzare al 20% la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20% il risparmio energetico, il tutto entro il 2020), alla approvazione degli obiettivi al 2030 che mirano a ridurre le emissioni del 40% rispetto al 1990 ed attualmente la decarbonizzazione. Ma le azioni devono essere avviate in tutti i paesi.

Solo 23 Paesi, la maggior parte europei che rappresentano il 2,3% delle emissioni globali, hanno indicato che miglioreranno i loro contributi nazionali per la riduzione dei gas ad effetto serra nel 2020. Sono 66 i Paesi che promettono emissioni zero nel 2050, 102 le città e 93 le imprese. In collaborazione con il Programma ONU per lo sviluppo dei Governi di Germania e Regno Unito, hanno offerto 5 miliardi di dollari entro il 2025 per assistere 20 Paesi  vulnerabili  alle catastrofi climatiche. Anche la Russia firma gli accordi di Parigi.

A tutti, il Segretario dell'ONU ha chiesto di abbandonare i combustibili fossili. "Se non cambiamo con urgenza il nostro stile di vita, metteremo a rischio la nostra vita stessa. I leader hanno l'obbligo di affrontare la crisi climatica con concretezza". Guterres ha anche ringraziato i giovani per il coraggio con cui portano avanti le loro idee. Greta Thunberg, commossa: "Avete distrutto i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote. Interi ecosistemi stanno collassando, siamo all'inizio di una catastrofe ambientale...".

Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Il clima è un cavallo di battaglia dei partiti "minori" da sempre. Certo è bello arrivare ad emissioni zero, ma i disastri climatici derivano dalle mega eruzioni contemporanee di più vulcani, o di un mega vulcano come il Kracatoa. o in tempi lontani del Marsili e Santorini.

  • Il clima è un cavallo di battaglia dei partiti "minori" da sempre. Certo è bello arrivare ad emissioni zero, ma i disastri climatici derivano dalle mega eruzioni contemporanee di più vulcani, o di un mega vulcano come il Kracatoa. o in tempi lontani del Marsili e Santorini.

  • oltre alla decarbonizzazione sarebbe importante procedere anche con una drastica riduzione degli allevamenti di animali da carne alimentare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento