A 14 anni ruba l'auto al padre, carica gli amici minorenni, scappa dai carabinieri e si schianta

Protagonisti della folle nottata che fortunatamente non ha avuto conseguenze troppo gravi, un 14enne marocchino, due connazionali di 17 anni, una piacentina di 16 e una romena di 17. Sono scappati dai carabinieri di Castelsangiovanni e a Bilegno sono usciti di strada

Immagine di repertorio

Ha rubato l'auto al padre, ha caricato gli amici, ha guidato a folle velocità, non si è fermato all'alt dei carabinieri ed è uscito di strada. Protagonista della folle nottata che fortunatamente non ha avuto conseguenze troppo gravi, un 14enne marocchino. Tutto è iniziato poco dopo l'una del 28 maggio a Borgonovo. Il ragazzino ha prima sottratto l'auto al padre, una Ford Galaxy, poi ha caricato due connazionali di 17 anni, una piacentina di 16 e una romena di 17 e ha imboccato la strada della Mottaziana a folle velocità fino a quando è stata intercettata dai carabinieri di Castelsangiovanni che hanno intimato l'alt. Il 14enne invece di fermarsi ha accellerato fino a quando all'altezza di Bilegno è uscito di strada. In pochi secondi i tre maschi sono scappati a piedi nella boscaglia, mentre le due ragazzine, probabilmente spaventate, sono rimaste nell'auto, fortunatamente illese. I militari li hanno rincorsi e trovati nascosti al buio in un campo. I ragazzini sono stati tutti denunciati per resistenza a pubblico ufficiale, il 14enne anche per guida senza patente. Tutti poi sono stati riconsegnati ai genitori, l'auto è stata posta sotto sequestro per trenta giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento