Esercizio abusivo della professione sanitaria: nei guai 4 piacentini

Uno di loro, fisioterapista sulla carta, svolgeva pratiche mediche nei locali di una palestra. Un altro, odontotecnico a Caorso, faceva abusivamente il dentista. Con loro, nei guai anche il titolare della palestra e dello studio medico - dentistico

La conferenza stampa di stamattina
Medici abusivi nel mirino del Nas di Parma. Quattro persone sono infatti finite nei guai con l'accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria. Il primo controllo dei militari, coordinati dal capitano Angelo Balletta, ha riguardato una nota palestra della città.

I carabinieri l'altra mattina si sono presentati nel centro sportivo trovando un locale che era stato adibito ad ambulatorio. All'interno, un piacentino di 39 anni sulla carta fisioterapista, eseguiva alcune pratiche che, secondo il giudizio dei carabinieri del Nas, non era autorizzato a effettuate. “Una serie di manipolazioni, prestazioni e terapie - ha sottolineato Balletta stamane davanti alla stampa piacentina - che rientrano nell'attività sanitaria propria del medico".
  Svolgevano pratiche mediche senza avere titoli pertinenti e autorizzazioni  

Insieme a lui è finito nei guai per concorso nello stesso reato anche il titolare del centro sportivo, colpevole, secondo i carabinieri, di aver permesso che nella sua palestra potesse sorgere questo ambulatorio di cui l'autorità sanitaria non sarebbe stata a conoscenza.

Stessa sorte anche per un odontotecnico 50enne di Caorso che ha ricevuto la visita del Nas. I carabinieri, che hanno sequestrato documenti clinici e ascoltato alcuni pazienti, affermano che il 50enne svolgesse abusivamente attività di dentista. Per questo i militari hanno anche sequestrato l'intero studio dentistico e denunciato il medico titolare della struttura per concorso in esercizio abusivo della professione medica.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Misterioso appuntamento per scambiarsi 35mila euro, rapinatori cinesi ancora senza identità

  • Cronaca

    Omicidio di via Nasolini, Mazzarelli condannato a 14 anni e due mesi

  • Cultura

    La Salita al Pordenone chiude in bellezza, ma verrà aperta in occasioni di straordinaria importanza

  • Politica

    «Evitare i tagli della Pac e difendere la qualità del Made in Italy»

I più letti della settimana

  • Folle inseguimento con la polizia, rapinatori si schiantano con l'auto rubata

  • Travolto all'incrocio sfonda il parabrezza e finisce nell'auto: gravissimo un ciclista

  • Piomba a tutta velocità sulle auto in sosta, ferito un 30enne

  • Scopre l'ex moglie in auto con un sacerdote: finisce in rissa

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, gravissima una donna

  • «Ho rischiato di essere travolta dai rapinatori». E i cittadini applaudono la polizia: «Grazie»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento