San Polo, "processione" sul luogo del disastro: il dolore degli amici

In tanti ancora si fermano dove domenica, all'alba, hanno perso la vita Elisa Bonomini, Ention Kasapi e Sara Frasani. Le giovani erano studentesse dell'Enaip di Fiorenzuola, Ente professionale. Elisa era appena uscita dal biennio del corso per estetiste e parrucchiere, Sara aveva appena iniziato. Le professoresse le ricordano come "giovani appassionate e talentuose". Viavai di amici nelle case delle famiglie. Il sindaco di Fiorenzuola Compiani ha proclamato il lutto cittadino

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Dinamica assolutamente inspiegabile. Poi sono passato di lì ed ho visto che un semaforo non è ben posizionato e può trarre (ovviamente in determinate condizioni di "precarietà" di guida) in inganno. Come si vede (parzialmente) anche dalla foto,  per chi arriva da PC, cioè da sinistra della foto, il semaforo immette contro un muro.

  • Avatar anonimo di La sentinella
    La sentinella

    Al conducente,circa un mese fa era stata sospesa la patente.Provate ad immaginare:guida sotto l'effetto di alcool!! Possibile che a distanza di cosi poco tempo gli era gia stata restituita? Guidava senza? Non vorrei essere polemico,ma mi sa che fra quei quattro, il più sobrio ......era il quinto!!

    • Anche se ti ritirano la patente, basta fare ricorso alla sospensione e il gioco è fatto, come per incanto ritorna la patente fino al giorno del processo, sempre che nel frattempo non ci sia un condono, un indulto, una grazia, una dimenticanza ecc.......

  • sono veramente addolorato per la morte di questi 3 angeli ,sono cose che non ddovrebbero accadere sopratutto per le due ragazzine piene di vita e per il ragazzo albanese venuto in italia per costruirsi un futuro migliore, infine,alzando gli occhi al cielo vorrei dire al padre eterno che cosa abbiamo fatto noi poveri corpi erranti per avere questro strazio.Comuque sia la risposta porgo le mie piu sincere condoglianze ai genitori delle 2 ragazze e alla comunità albanese di piacenza.

  • Francis & Max siete dur grandi. Cosi si ragiona non come lo stolto in fondo che si vede che ha una zucca al posto della testa. Complimenti ancora

    • Avatar anonimo di Moira g
      Moira g

      Lascia perdere il lavoro,Zio,abbiamo già dato abbastanza e lascia perdere anche chi straparla.Hai ragione ragazze di 16 e 18 anni in giro alle 5 del mattino saranno anche la gioventù di oggi.Ha ragione anche chi dice che dovevano vedere le condizioni del guidatore,ma a me zio un dubbio mi tormenta e ti chiedo il parere.Senza nulla togliere alla pietà che in questi casi è d'obbligo,non può essere che fossero tutti e quattro "allegri" e la compagnia riparte tra risa e schiamazzi,Noi non c'eravamo e perciò nel dubbio rimpiangiamo tre vite spezzate e uno,responsabile del fatto,ancora vivo. Condoglianze ancora.

      • ma che fossero "allegre" pure le ragazze sinceramente lo penso anche io,lo ho scritto anche nell'altra discussione,ormai se non tornano a casa devastati da alcool o altro non sono contenti i ragazzi di oggi... mi domando solo dove erano le famiglie,che educazione hanno impartito,come è possibile che possano accettare supinamente che una ragazza di 16 anni se ne stia in giro fino all'alba e con chissà che compagnie,visto il soggetto che guidava... io a 16 anni tornavo a mezzanotte e solo il sabato,e se mio padre trovava una sigaretta volavano sberle a tutto andare...

  • Avatar anonimo di Francis Drake
    Francis Drake

    ...questo è l'unico sentimento che si può provare in questo momento, però bisogna anche cercare di fare in modo che questa tragedia rimanga il più a lungo possibile nella memoria dei giovani piacentini, affinchè il ricordo della terribile perdita di queste giovani vite possa servire forse a salvarne altre. Le mie più sentite condoglianze alle famiglie.

  • Valgono come il "due di coppe quando non è briscola" Si consiglia affiggere una targa a monito per tutti".. L'@#?*%$ità non paga.

  • Non sarebbe stato opportuno che, una sedicenne, fosse in casa in un orario decente (Es. 24,00) invece che in compagnia di un ubriacone alle 5,30 del mattino, orario avvezzo ai panettieri e non ai cristiani?' Ora piangono ma è troppo tardi.

    • peraltro non stavano neppure accompagnandole a casa,visto che andavano verso San Giorgio e le ragazze erano di Fiorenzuola (dove han passato la serata a quanto si legge sui giornali).. genitori assenti,a cui stava bene che le figlie passassero fuori tutta la notte,capisco che possa sembrare cinismo puro ma la colpa di tutto questo è anche di quelli che ora piangono..

      • andavano a san giorgio perchè Ention abitava lì,poi a san protaso perchè Sara abitava lì (almeno mi sembra) e poi a fiorenzuola per l'Elisa.non voglio difendere nessuno ma ricordiamoci che erano pur sempre ragazzi molto giovani e a quell'età lì le cazzate si fanno sempre.purtroppo per loro è finita male.prima di criticare i genitori bisognerebbe informarsi (io non li conosco),può anche darsi che le ragazze abbiano detto ai genitori che dormivano a casa di un'amica e poi siano usciti di nascosto.l'ho detto solo per fare un esempio ma anche per far capire che prima di criticare bisogna conoscere bene i fatti.comunque colpa o non colpa porgo le mie più sentite condoglianze alle famiglie che in questo momento saranno distrutte dal dolore e forse anche dai rimorsi.

    • è meglio se stai zitto...   e vai a lavorare  dai!!!!   x|

      • Io dovrò andare a lavorare ma tu con il quoziente di intelligenza che ti ritrovi dubito che possa ricoprire incarichi dove il cervello la fà da padrone

      • Fai parte della categoria, invece di lavorare, che dà ragione a chi beve e poi centra i muri con persone a bordo?? Occhio che il prossimo non sia il tuo.

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Accoltellamento a Quartiere Roma

  • Cronaca

    Donna sgozzata in casa a Borgonovo

  • Fiorenzuola

    Il Giro d'Italia a Fiorenzuola, grande festa per Guarnieri

  • Video

    I Pontieri costruttori di speranza davanti al premier Conte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento