Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nubifragio su Gragnano e Rottofreno: strade, cortili e cantine allagati

 

Nubifragio nel pomeriggio del 27 luglio a Gragnano e a Rottofreno. Due bombe d'acqua si sono abbattute sui comuni con particolare violenza tanto da provocare allagamenti diffusi. L'acqua ha invaso strade, cortili, cantine e garage provocando parecchi danni. Le via più colpite a Gragnano sono state via Guerralunga e via Don Milani. Particolarmente danneggiato anche un centro estetico: l'acqua ha invaso i locali provocando disagi importanti. I residenti e i vigili del fuoco hanno lavorato fianco a fianco per ore per limitare i danni e prosciugare, per quanto possibile, le zone più colpite. In alcuni garage l'acqua ha raggiunto anche il mezzo metro. Il sindaco di Rottofreno, Raffaele Veneziani, ha aggiornato la situazione del suo territorio sul proprio profilo Facebook: Anche stavolta si contano danni e disservizi per gli eventi che sino ad ora hanno interessato il nostro territorio. Partiamo da un dato. Sono oltre 70 i millimetri di pioggia caduti nel giro di meno di due ore (fonte pluviometro Arpae S.Nicolò), una quantità enorme e difficilmente sostenibile dalle reti di scolo anche in condizioni ottimali. Segnalo di prestare attenzione in via Bonina ed in via Veratto per l'allagamento parziale ad opera dei canali di scolo laterali nonché in via Puccini ed in via Lampugnana per due alberi caduti in prossimità della rete stradale (chiuso temporaneamente il parcheggio del CSR Emma Serena). Sono stati riscontrati allagamenti temporanei di piazza Maserati e del parcheggio interrato del Gigante (entrambi al momento risolti), oltre a rigurgiti nella "solita" zona di Via Rossini a Rottofreno. Chiedo quindi di segnalare solo criticità che non siano già tra quelle elencate. Dopo una breve tregua prevista fino alla mezzanotte, ci aspettano (secondo i modelli previsionali regionali) 12 ore parecchio complicate sino a mezzogiorno di domani. Invito quindi a prestare attenzione, ad assumere eventuali misure di autoprotezione ed a segnalare eventuali nuove criticità.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento