menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcalendarcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcasesunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsiuslock-openlog-outeditfiletrophy

Quattro anni e quattro mesi per il rapinatore seriale di edicole e tabaccherie

Pesante condanna per A.T., 32 anni, accusato di aver compiuto alcune rapine a tabaccherie, benzinai ed edicole nella nostra provincia lo scorso anno. Il Gup Giuseppe Bersani ha accolto la richiesta del pm Emilio Pisante

L'arresto del rapinatore da parte dei carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza

Quattro anni e quattro mesi di reclusione è la pesante condanna per A.T., 32 anni, accusato di aver compiuto alcune rapine a tabaccherie, benzinai ed edicole nella nostra provincia nello scorso anno. Oggi, 2 luglio, il giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Bersani ha accolto la richiesta del pm Emilio Pisante, all’interno del processo svolto con il rito abbreviato. Nella serie di rapine aveva già patteggiato un suo complice, il piacentino S.F. 18enne, difeso dall’avvocato Francesca Beoni: per lui due anni e dieci mesi. Il giovane aveva ammesso alcune rapine e aveva detto che alcuni colpi erano stati realizzati con A.T.

I due (poi arrestati dai carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza) da soli o in coppia, sempre armati di un cutter o di altre armi come sfollagente o una pistola scacciacani si avventavano sui commercianti intimando loro di consegnare l’incasso. Così è avvenuto per l’edicola di Calendasco nel novembre del 2011 e per il distributore di Tuna di Gazzola (i due colpi avevano fruttato 30 euro l’uno).

La procura, però, aveva contestato a A.T., difeso dall’avvocato Piero Spalla, anche il possesso di un cutter, di uno sfollagente, un coltello da cucina e un tronchese, arnesi usati per le varie rapine, commesse sia da solo sia in concorso. A scoprire la coppia di banditi erano stati i carabinieri che li avevano arrestati e denunciati.



Commenti (2)

  • Strano che vengano tutti difesi dall'Avv. Spalla...

  • Ma in sostanza , quanto starebbero dentro ?

Più letti della settimana

Torna su