Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

«Volevo andare in collina con la mia ragazza ma non è voluta venire»

Sebastiani alla pompa di benzina dopo il pranzo con Elisa, di lei già a quell'ora erano sparite le tracce. Le amiche: «Elisa non è mai entrata in casa sua per non illuderlo»

 

La scomparsa di Elisa Pomarelli, la 28enne di Borgotrebbia della quale non si hanno più notizie da domenica 25 agosto, bisogna farla risalire tra le 14.15 e le 14.47 di quello stesso giorno. Alle due e un quarto lei, insieme all’amico Massimo Sebastiani, era uscita dall’Osteria del Lupo a Ciriano di Carpaneto dove erano andati a pranzo. Lui alle 12 era andato a prenderla a casa con la sua Honda “Civic”. Quell’auto alle 14.47 è stata ripresa dalle telecamere della stazione di servizio “TotalErg” della frazione di Carpaneto. Dove è andato Massimo con Elisa in quel lasso di tempo? Ma soprattutto: che fine ha fatto la ragazza? Al quinto giorno di ricerche sulle colline sopra Gropparello e nei dintorni di Castellarquato, dei due non c’è traccia.

«VOLEVO ANDARE IN COLLINA CON LA MIA RAGAZZA MA NON E’ VOLUTA VENIRE» - Massimo Sebastiani domenica alle 14.47 si è recato a fare benzina. Arrivava da Carpaneto mentre la trattoria dove hanno pranzato è dalla parte opposta, in direzione Castellarquato. Dov’era stato poco prima? Al distributore è arrivato quasi insieme al titolare della stazione di servizio. «Sembrava che non vedesse l’ora di terminare il rifornimento dell’auto, continuava a guardare la pompa della benzina, forse era di fretta». Il benzinaio conosce abbastanza bene di vista Massimo, è suo cliente da diversi anni e così gli ha chiesto cosa ci facesse in giro a quell’ora con il caldo piuttosto intenso. «Volevo andare a fare un giro su in collina da queste parti con la mia ragazza ma non è voluta venire. Sa come sono le donne...Vado a lavorare in campagna» - ha detto Sebastiani. Ha impiegato due minuti per rifornire la sua auto poi è ripartito, sempre in direzione Carpaneto. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza e quelli della Stazione di Carpaneto hanno acquisito quelle immagini così come altre riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti in zona. Le indagini proseguono senza sosta.

«ELISA NON E’ MAI ENTRATA IN CASA SUA PER NON ILLUDERLO» - «La mia ragazza». Così l’ha presentata al titolare della stazione di servizio ma Massimo ed Elisa erano solo amici. Lo conferma per l’ennesima volta un’altra amica della 28enne al campo base:  «Sapevo che lui era innamorato ma non ci ho dato peso. Forse anche perché lei non sembrava preoccupata. Non ha mai creato situazioni strane per non illuderlo: non è mai entrata in casa sua». Gli amici di Elisa si dicono «stanchi, stressati: non sappiamo più come reagire». Oggi hanno fatto ancora squadra e insieme stanno cercando di dare supporto ai volontari della Protezione civile, e ai vigili del fuoco giunti nuovamente, oltre che da Fiorenzuola e Piacenza, da Bologna e Milano con i nuclei specializzati dei subacquei, dei droni e dei cinofili.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento