La Capitale della cultura italiana 2020 è Parma

Il Ministero dei Beni culturali tra le dieci proposte finaliste ha scelto la città di Parma. Ennesima beffa per Piacenza. Il ministro Franceschini: «Essere nella short list è già un veicolo promozionale, come una candidatura agli oscar»

«La giuria all’unanimità propone Parma perché è un esempio virtuoso nella progettazione della territorialità con i suoi punti di forza, ed è brava a coordinare un sistema complesso di soggetti, coinvolgendo privati e imprese del territorio». Sfuma così il sogno di Piacenza di diventare Capitale della Cultura italiana 2020. A Roma il Ministero dei Beni culturali ha comunicato la decisione di assegnare a Parma il prestigioso riconoscimento. «Abbiamo fatto un comunicato congiunto per dire che vogliamo comunque lavorare insieme con Piacenza e Reggio per il 2020» - ha commentato il sindaco di Parma Federico Pizzarotti.

Piacenza non sarà così capitale della cultura, beffata insieme alle altre otto che componevano la short list delle dieci migliori proposte: Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Reggio Emilia, Treviso. La Commissione era presieduta da Stefano Baia Curioni. La città vincitrice potrà rappresentare per un anno la nuova offerta culturale e turistica nazionale, attuando il proprio progetto grazie al contributo statale di un milione di euro. L'iniziativa, istituita con la Legge Art Bonus per il periodo 2015 - 2018 per valorizzare la progettualità delle candidate italiane a Capitale Europea della Cultura 2019 e divenuta stabile con la Legge di Bilancio 2018, è volta a sostenere e incoraggiare cartelloni di eventi e attività capaci di far recepire in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l'integrazione, la creatività, l'innovazione, lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo. Piacenza aveva presentato la sua proposta "Crocevia di culture", illustrata in un dossier e motivata in alcuni incontri pubblici. Il dossier, a cui ha lavorato Paolo Verri, è stato apprezzato dalla giuria, ma non abbastanza da surclassare la proposta dei "cugini". «So bene che una città festeggia – ha detto il ministro Dario Franceschini ai sindaci delle altre città - e le altre provano delusione: la competizione è così. Ma essere nella short list è già un veicolo promozionale, come una candidatura agli oscar». A Roma, questa mattina, erano presenti il sindaco Patrizia Barbieri, l'assessore alla cultura Massimo Polledri e il dirigente del Comune (e direttrice dei musei piacentini) Antonella Gigli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un altro grande riconoscimento per l’Emilia-Romagna - ha commentato il presidente della Regione Stefano Bonaccini - per chi ci vive e per chi sceglie di visitare e conoscere questa terra. Parma è stata designata Capitale italiana della cultura 2020 e la Regione Emilia-Romagna, con il presidente della Giunta e l’assessore regionale alla Cultura, esprime grande soddisfazione e orgoglio per l’assegnazione da parte del Ministero dei Beni delle attività culturali e del turismo, che premia la qualità progettuale della città. La scelta è avvenuta fra una rosa di dieci candidature che comprendeva anche Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. Il fatto che tre città dell’Emilia-Romagna siano arrivate alle finali - sottolinea la Regione- è la dimostrazione della vivacità e della crescita culturale del territorio, che si conferma un vasto campo di “energie diffuse”. Energie diffuse: il punto di forza nonché il titolo della campagna di comunicazione avviata per l’Anno del patrimonio culturale europeo, e che vedrà il suo culmine nella settimana della cultura in Emilia-Romagna, dal 7 al 14 ottobre 2018. La Regione sarà a fianco della città di Parma nell’organizzare e sostenere il cartellone 2020. L’obiettivo è infatti quello di lavorare insieme fin da subito per la piena riuscita di quella che si prospetta anche come una grande occasione di ulteriore valorizzazione e promozione delle bellezze, del patrimonio culturale e artistico e delle eccellenze del capoluogo ducale e dell’Emilia-Romagna. Nel fare questo la Regione valorizzerà anche idee e proposte di Reggio Emilia e Piacenza, puntando sulle iniziative di qualità di un’area vasta, in un’ottica di squadra, caratteristica della politica culturale dell’amministrazione regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento