Novità sulle detrazioni del 19% dai redditi 2020

L' associazione di consumatori invita a pensare già della dichiarazione dei redditi del 2021 perché la legge di Bilancio 2020 ha stabilito che per usufruire delle spese da portare in detrazione dall’Irpef nel 2021, da quest’anno, a partire dal 1° gennaio 2020, i pagamenti di alcune prestazioni dovranno essere effettuate con strumenti tracciabili, cioè con:

• bancomat
• carta di credito o carte prepagate
• assegni bancari e assegni circolari
• bonifico bancario o postale.

Quindi si fa presente che le spese effettuate quest'anno saranno detraibili solo se pagate con strumenti di pagamento tracciabili.


Le spese detraibili riguardano:
• le visite specialistiche sanitarie private
• le rate del mutuo per detrarre gli interessi
• le spese di intermediazione per l’acquisto della prima casa
• le spese veterinarie
• le spese funebri
• le spese per la scuola (servizi di mensa, gite scolastiche, servizi di pre e post-scuola, assicurazioni scolastiche, ad eccezione dei libri di testo e del corredo scolastico a meno che non si tratti di dispositivi per gli alunni con difficoltà di apprendimento documentate) e per l’Università (affitto per studenti fuori sede, ecc.)
• le spese per l’attività sportiva dei ragazzi tra i 5 e i 18 anni
• le spese di assicurazione (vita, infortuni, ecc.)
• le spese per addetti all’assistenza per non autosufficienza
• le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici (c.d. contributo scolastico)
• l’abbonamento al trasporto pubblico locale (tessera metrebus e quant’altro)

Spese detraibili escluse dal pagamento con strumenti tracciabili
Sono esenti dal pagamento con strumenti tracciabili e quindi possono essere pagati in contanti:
• i medicinali
• i dispositivi medici
• le prestazioni sanitarie erogate da strutture pubbliche o strutture in convenzione con Sistema sanitario nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All.1 14031_20 volantino-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • Covid-19, Piacenza piange altre 26 vittime, il totale sale a 495

Torna su
IlPiacenza è in caricamento