Nuovo caso di illecito bancario: recuperati da TutelaTi 4700 euro non rimborsati a un carabiniere

L'associazione è riuscita a far riavere a un cittadino che aveva chiesto l'estinzione anticipata della cessione del quinto la somma di circa 4.700 euro, rimborso che l'istituto di credito continuava a negare

Un altro successo dell'Associazione Consumatori Tutelati si è registrato a Piacenza. L’associazione, infatti - si legge in una nota - è riuscita a far riavere a un cittadino che aveva chiesto l'estinzione anticipata della cessione del quinto la somma di circa 4.700 euro, rimborso che l'istituto di credito continuava a negare. La Cessione del Quinto è una delle forme di prestito finanziario più richiesto in quanto è facile da ottenere per i dipendenti, la restituzione viene addebitata direttamente sullo stipendio e sarà pari a un quinto dello stipendio stesso. Tuttavia ci sono alcune complessità riguardanti le procedure che hanno permesso agli istituti finanziari di caricare pesantemente i costi del finanziamento, che non sono stati restituiti

E’ il caso di un cittadino di Piacenza, un carabiniere, che ha dovuto pagare 8.200 euro di interessi, 828 euro di commissioni bancarie e 5.459 euro di commissioni accessorie: quest’ultima cifra intascata dall’agente finanziario per il solo fatto di aver fatto firmare il contratto. Si tratta di costi che si aggiungono all’importo da restituire, facendo così in modo che la cifra finale da dover restituire alle banche sia ben maggiore (a volte anche il doppio) di quella ricevuta in prestito. Il lavoratore dipendente molto spesso è ignaro su questi importi, in quanto non vengono comunicati chiaramente. Si gioca e si è giocato sulla poca trasparenza e sulla poca chiarezza delle pratiche finanziare. Le banche agiscono molto spesso in questo modo - continua la nota - anche in caso di estinzione anticipata, ovvero non restituendo i rimborsi che spettano per legge. Purtroppo molti cittadini ignorano l'obbligatorietà di questi rimborsi e gli Istituti Finanziari, dal momento che hanno già ricevuto il pagamento delle commissioni in anticipo e il premio assicurativo, non restituiscono le somme relative al periodo in cui il prestito non è stato usufruito. Solo con un’attenta analisi di tutte le operazioni svolte si può risalire alla cifra che spetta a ogni consumatore. In questo caso, l’associazione consumatori TutelaTi è riuscita a far riavere al militare circa 4.700 euro, cifra che gli spettava di diritto e che invece non gli era mai stata nemmeno comunicata.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esasperato per i furti sparò ai ladri in cantiere: imprenditore condannato per tentato omicidio

  • Incidenti stradali

    Frontale alla rotonda, cinque feriti. I testimoni: «Un'auto stava sorpassando»

  • Fiorenzuola

    «"Nuovi" terreni per chi crea e da lavoro alla città». La minoranza: «Manca una visione d'insieme»

  • Cronaca

    In arresto cardiaco a 23 anni, i poliziotti delle volanti lo salvano con il defibrillatore

I più letti della settimana

  • Frontale alla rotonda, cinque feriti. I testimoni: «Un'auto stava sorpassando»

  • Esasperato per i furti sparò ai ladri in cantiere: imprenditore condannato per tentato omicidio

  • Due bimbi fuggono a piedi dal Nido per un cancello rimasto aperto, salvati dalla polizia locale

  • “Piacenza Nord” non c’è più, l’uscita autostradale è diventata “Basso lodigiano”

  • Lo rapina del cellulare poi si accorge che è un modello vecchio e lo riempie di botte

  • «Picchiato per motivi sindacali», fermato un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento