Teatro Trieste Trentaquattro, "Le rose che non colsi"

Inizia sabato 1 ottobre alle ore 21 con "Le rose che non colsi"  la settima edizione della rassegna Le Voci della Luna presso il Teatro Trieste Trentaquattro. Il successivo appuntamento sarà sabato 8 ottobre con lo spettacolo di burlesque / cabaret "Le memorie del Punto G", di Golden Din Din.

La stagione 2016/2017 presenta un cartellone di nove spettacoli realizzati da compagnie teatrali provenienti dal territorio nazionale e locale. Lo sguardo della direzione artistica ha selezionato spettacoli che spaziano dal burlesque alla narrazione e al teatro d'autore, per offrire al pubblico piacentino la possibilità di vedere in scena differenti stili e tecniche teatrali.

"Le rose che non colsi" rappresenta un inno alla poetica di Gozzano e alla apparente semplicità della sua forma. Esteta, dandy e osservatore privilegiato della realtà, il poeta, attraverso le sue parole, ha saputo farci agognare la bellezza delle cose e della persone semplici, in una declinazione tutta piemontese, ma con l’universalità propria della poesia.

Autrice ed interprete dello spettacolo sarà Lorena Senestro, affiancata dall’eclettico pianista Andrea Gattico, con la regia di Massimo Betti Merlin.

«La breve e patetica trama della biografia di Guido Gozzano - scrive il regista Massimo Betti Merlin - ha sempre agito sopra i lettori della sua opera poetica con una irresistibile forza di suggestione: esteta, dandy, incapace di vivere pienamente la vita - “il triste che cerca l’amore per il mondo, vizioso fanciullo viziato, sulle orme del piacere vagabondo”.

Gozzano manifesta un’ambiguità che trova nel paradigma dell’attore e del palcoscenico un testimone esemplare: aspira alla gloria poetica e alla celebrità, ma insieme le fugge agognando la sapienza e la semplicità del vivere.

Lorena Senestro ci conduce in un’indagine sulla biografia e la poetica del poeta torinese, sulla apparente semplicità della sua forma – “questo mio stile che pare lo stile d'uno scolare corretto un po' da una serva”. Nelle vesti della signorina Felicita, ripropone il celebre incontro immaginario con Guido dal suo punto di vista: imprigionata nel “salottino in disuso”, alla piemontese, utilizzato solo per le occasioni, Felicita rievoca le storie e i personaggi delle poesie di Gozzano, facendole ruotare di fronte allo spettatore come quadri d’ambiente di un vecchio carillon. Dialoga con il poeta disvelando quanto di umano si nasconde dietro all’immagine del letterato.

Andrea Gattico, brillante e scherzoso, è il pianista da tabarin torinese, con papillon, canzoni e abito da sera, che rievoca quell’ironia tipica e quella fantasia bambina che pervade le poesie di Gozzano: “un senso buffo d’ovo e di gallina”».

«Ne La signorina Felicita, Guido Gozzano proclama il suo sogno di vivere con la sua “piccola consorte vivace, trasparente come l’aria”, così manifestamente da preferirla a “una intellettuale gemebonda” vincendo infine il suo morbo più vero, quella “fede letteraria che fa la vita simile alla morte” (E.Sanguineti, Einaudi)».

Nelle vesti della signorina Felicita, Lorena Senestro propone una personalissima interpretazione del celebre “salottino in disuso” di Guido Gozzano, accompagnata al pianoforte da Andrea Gattico, che ricorda il pianista da tabarin torinese, con quell’ironia tipica e quel ”senso buffo d’ovo e di gallina” che pervade le poesie di Gozzano.

Felicita è appartenuta davvero alla biografia del poeta, ma con un nome diverso. Nello spettacolo la ritroviamo nel salotto della sua “casa centenaria”, imprigionata dai ricordi e anch’essa “in disuso”, sempre nubile, in compagnia del cucù e del mobilio che assumono, come fantasmi, proporzioni smisurate. Immobilizzata nel tempo sospeso dell’attesa, spera nel ritorno di Guido. Ma Guido non tornerà più: stroncato a trentadue anni dalla tubercolosi, è vivo solo nei ricordi di giovinezza di Felicita.

Una esistenza di provincia, spesa in compagnia del padre e ravvivata dall’emozione degli incontri con Guido, il “poeta vagabondo”, suo primo e forse unico innamorato: “Tu non fai versi. Tagli le camicie per tuo padre. Hai fatto la seconda classe, t’han detto che la Terra è tonda, ma tu non credi... E non mediti Nietzsche... Mi piaci. Mi faresti più felice d’un’intellettuale gemebonda...”.

Gozzano si presenta allo stesso tempo come scrittore e come personaggio, a metà strada, come aveva avuto modo di sottolineare Eugenio Montale, tra antico e nuovo, tra cultura romantico-verista e decadente, con le sue rime irripetibili in cui ritmo, suono, immagini, senso, si fondono mirabilmente, lasciando dietro di sé lo spettro di passeggiate e giardini, fondali torinesi, atmosfere e malinconie dettate dalla contemplazione del passato.

La breve e malinconica trama della biografia di Guido Gozzano ha sempre agito sopra i lettori della sua opera poetica con una irresistibile forza di suggestione: esteta, dandy, incapace di vivere pienamente la vita - «il triste che cerca l’amore per il mondo, vizioso fanciullo viziato, sulle orme del piacere vagabondo»

Lorena Senestro lavora alla drammaturgia come Felicita con le camicie del padre: cuce pazientemente, con lavoro accurato, solo quegli estratti dei versi in grado di prendere vita sul palcoscenico, passati al vaglio della prova pratica dell’attore sulla scena. Una procedimento di scrittura scenica che accompagna il suo lavoro dagli esordi – prima con Leopardi e poi con Flaubert - una selezione di emergenze verbali utili non tanto a raccontare, quanto principalmente a mostrare e far rivivere direttamente allo spettatore l’esperienza del personaggio. Di Felicita in questo caso.

Calendario spettacoli

1 Ottobre – Le Rose che non colsi - TEATRO STABILE DI TORINO - TEATRO NAZIONALE / TEATRO DELLA CADUTA
8 Ottobre – Le memorie del Punto G – Golden Din Din
27 Novembre – IO – NO IO - L'ALTRO – Pino L'Abadessa
17 Dicembre – Gran Consiglio (Mussolini) – Tom Corradini
7 Gennaio – ARIA – Anfiteatro (Mi)
21 Gennaio – Foll' Epoque - Golden Din Din e Mizi Mia Grand
11 Marzo – Sciopero – PKD
29 Aprile - Le Memorie del Punto G 2 – Golden Din Din
20 Maggio - Foll' Epoque - GolDen Din Din e Mizi Mia Grand ' Ame

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Rassegna Piazza Grande Tour, edizione 2019

    • dal 18 luglio al 6 ottobre 2019
    • varie location, come da programma
  • Lirica sotto le stelle, "Rigoletto"

    • Gratis
    • 7 settembre 2019
    • Palazzo Farnese
  • Manicomics Teatro, Festival Lultimaprovincia 2019

    • Gratis
    • dal 18 agosto al 21 settembre 2019
    • varie location, come da programma

I più visti

  • Arena Daturi, Cinema sotto le Stelle 2019

    • dal 1 luglio al 3 settembre 2019
    • Arena Daturi
  • Rassegna Piazza Grande Tour, edizione 2019

    • dal 18 luglio al 6 ottobre 2019
    • varie location, come da programma
  • Vigoleno, i Mercatini delle Meraviglie 2019

    • Gratis
    • 22 settembre 2019
    • Borgo di Vigoleno
  • San Giuliano Piacentino, Sagra Agostana dell'Anatra

    • fino a domani
    • dal 16 al 25 agosto 2019
    • San Giuliano Piacentino
Torna su
IlPiacenza è in caricamento