Oscar Giannino a Piacenza il 17 gennaio per incontare i piacentini

L'incontro alle 21 alla Volta del Vescovo al termine di una cena per raccogliere i fondi per l'attività politica. Presentate questa mattina le linee del movimento a Piacenza in attesa di ufficilizzare anche i candidati

I relatori alla presentazione del movimento piacentino

Giù il debito pubblico e le tasse, riduzione drastica della spesa pubblica, riforma della giustizia, federalismo. Sono alcuni dei 10 punti del proprio programma che lo stesso Oscar Giannino, famoso giornalista economico e grande liberale, presenterà a Piacenza giovedì prossimo, 17 gennaio, quando incontrerà i piacentini, invitati dagli appartenenti locali del movimento Fermare il Declino. L'incontro, aperto a tutti dalle 21, si terrà alla Volta del Vescovo al termine di una cena organizzata, alle 19.45, dai rappresentanti piacentini del movimento e destinata alla raccolta di fondi per la campagna politica (info e iscrizione alla cena, 30 euro, al sito gianninoperfarepc2013.eventbrite.it e al cellulare 393/04820077).

Questa mattina, intanto, i rappresentanti piacentini, con il coordinatore Cristian Brandini, hanno presentato alla stampa le linee programmatiche in vista delle prossime elezioni. A Piacenza, Fermare il Declino attualmente conta circa 400 sostenitori - hanno spiegato - e a breve verranno presentati anche i candidati in lista. “In tutta Italia - ha affermato Brandini ci sono 54mila iscritti e la visibilità sui social network è in continua crescita”. Il programma è quello indicato nei famosi dieci punti lanciati da Giannino. Abbassare le tasse di 5 punti in 5 anni è uno tra i primi obiettivi, a cui seguono anche la liberalizzazione di settori non ancora concorrenziali. Il gravoso costo della macchina pubblica va tagliato, a partire da sanità e istruzione introducendo meccanismi di competizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma il movimento, hanno sottolineato anche gli altri partecipanti alla conferenza stampa (Paolo Nebolosi, Andrea Montenet, Davide Bellocchi e Massimo Pancini) vuole anche sostenere il reddito di chi ha perso il lavoro, anziché tutelare chi è già ipertutelato o le imprese inefficienti. Sui conflitti di interesse serve una legge organica e giovani e donne devono avere più possibilità che liberino al loro creatività. Scuola e università devono tornare a essere volani di emancipazione socio-economica delle nuove generazione e non moloch di burocrazia e nepotismo. Infine, la visione federale deve portare ad attrivuire ruoli chiari ai diversi livelli di governo. “Non strizziamo l’occhio a nessuno – ha sottolineato Brandini – né destra, né sinistra. Noi siamo il movimento da temere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto vicino al suo camion, indagini in corso

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento