De Micheli (Pd): “La sfida alla Lega parte da Varese e da temi concreti”

La parlamentare piacentina interverrà sabato 9 ottobre all'assemblea nazionale del Pd. Attesi i delegati piacentini: "La sfida del Partito Democratico parte dal cuore del Settentrione per proporre proposte concrete"

"La sfida del Partito Democratico parte dal cuore del settentrione, terra d'elezione della Lega Nord, per proporre temi e proposte concrete e confinare in secondo piano le sterili polemiche di questi giorni". Presenta così, la parlamentare piacentina del Pd Paola De Micheli, l'appuntamento di sabato e domenica 8 e 9 ottobre a Varese, l'assemblea nazionale del partito che la vedrà in prima linea per illustrare il manifesto dedicato alla piccola e media impresa.

"Il coraggio del Pd - spiega la De Micheli - è stato quello di partire dal Nord e da uno dei territori dove le contraddizioni interne al Carroccio sono esplose: in quella Varese a pochi chilometri dall'aeroporto di Malpensa, simbolo del fallimento dell'idea di federalismo portata avanti dalla Lega". "L'assemblea nazionale è una grande prova - prosegue - di democrazia per il nostro partito e l'occasione per portare all'attenzione dell'opinione pubblica una serie di proposte concrete in tema di Fisco, scuola, immigrazione, mobilità e naturalmente piccole e medie imprese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Varese parteciperanno circa 1.200 delegati, compresi quelli provenienti da Piacenza e la sera di venerdì 8 ottobre Paola De Micheli, in qualità di responsabile nazionale per la piccola e media impresa coordinerà il gruppo di lavoro dedicato, mentre sabato 9 ottobre dalle 10 e 30 curerà la presentazione del manifesto. "Le nostre proposte prendono le mosse dai problemi concrete delle imprese - fa notare la parlamentare piacentina - e intendono offrire una reale prospettiva di crescita, anche per colmare il vuoto dell'assenza di una politica economica da parte del governo. Con due parole d'ordine: innovazione e internazionalizzazione. Occorre promuovere la riconversione di tutte le risorse a fondo perduto, nazionali e regionali, in crediti d'imposta automatici per la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi, e per l'internazionalizzazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

  • Si ribaltano nel campo dopo la nottata in discoteca, illesi cinque giovani

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento