Verde pubblico selvaggio, Fratelli d'Italia: «Chi sono i responsabili di questi inammissibili ritardi?»

Immagine di repertorio

«La gestione del verde pubblico un po' in tutta la città lascia parecchio a desiderare e ciò indipendentemente dagli eventi atmosferici delle ultime settimane che hanno contribuito a far peggiorare significativamente la situazione». I consiglieri comunali di Fratelli d’Italia ritengono «del tutto fuori posto le polemiche sviluppatesi sui media e tutte incentrate sulla effettuazione della gara per l'espletamento del servizio, gara per altro non formalmente aggiudicata e che per tanto dovrebbe suggerire a tutti, a partire dai sindacati e dai concorrenti, di astenersi dall'esprimere giudizi e valutazioni che nei fatti mirano a turbarne l'esito. A prescindere da ciò, pare evidente che la situazione è sotto gli occhi di tutti i piacentini e foriera di legittime, condivisibili e fondate proteste».

«Non è nascondendo la testa, in una delle tante savane cui sono ridotti, ad esempio, numerosi campi gioco, che si può pensare di risolverla. Occorre pertanto che, anche per un elementare dovere di rispetto dell'opinione pubblica, il sindaco - non risultando che l'abbia già fatto l'assessore Mancioppi - disponga i necessari accertamenti al fine di individuare i responsabili di inammissibili ritardi e assuma ogni utile iniziativa volta ad una tempestiva soluzione del problema. Certi del fatto che solo prendendo in mano e di punta la situazione si potrà ridare dignità a tutte le aree verdi della nostra città in tempi brevissimi, non possiamo infatti esimerci dal prendere le distanze da inefficienza e scarsa collaborazione che si annidano, seppure in una posizione nettamente minoritaria, anche nella macchina comunale, all'interno della quale è evidente che non tutti operano con lo stesso spirito di abnegazione e leale collaborazione con la Giunta».

«Proprio perché  - prosegue la nota - non vogliamo fare di ogni erba un responsabile, di ogni potatura un provvedimento disciplinare, chiediamo ad alta voce al sindaco di attivarsi affinché siano individuate le evidenti responsabilità, di natura tecnica come di natura politica che si sono verificate e si perpetuano al riguardo, e che conseguentemente chi ha sbagliato, paghi. Insomma, non basta tagliare immediatamente l'erba, ma anche le evidenti manchevolezze che si sono maldestramente palesate, con evidente danno per i cittadini ma anche, quanto meno sotto il profilo dell'immagine, per l'amministrazione comunale». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    «Restauro del Carmine? Hanno piegato la natura dell'edificio alla funzione. Spero li arrestino tutti»

  • Cronaca

    Tenta di avvelenare il marito con il detersivo, denunciata

  • Cronaca

    Bloccato dalla mobile con la droga negli slip, i connazionali lo incitano alla fuga: «Scappa!»

  • Cronaca

    «Ritrovo di pregiudicati e negligenza del gestore», bar Dolce Vita chiuso sessanta giorni

I più letti della settimana

  • Giro d’Italia nel Piacentino, gli orari del passaggio della carovana rosa

  • Tampona un'auto, grave motociclista sbalzato nel fosso

  • Travolto e ucciso da una lastra di acciaio: era in pensione ma lavorava a chiamata

  • «Ecco com'è facile comprare droga in stazione». Blitz di Brumotti a Piacenza

  • Calci ai poliziotti e insulti al giudice, tensione in tribunale durante il processo dei tre spacciatori

  • Saldatore in pensione che lavorava su chiamata, Podenzano piange Domenico Bossalini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento