Blocco del Si Cobas a Leroy Merlin: «Noi compatti e forti»

Blocco del sindacato dalle 5 del 1 ottobre ai cancelli del magazzino di Leroy Merlin al Logistic Park dì Castelsangiovanni per "far valere le ragioni dei 125 lavoratori che stanno rischiando il posto (di cui 123 iscritti alla nostra sigla)"

Alcuni lavoratori del Si Cobas davanti al magazzino

"Il Si Cobas piacentino esprime grande soddisfazione per lo sviluppo, ancora in divenire, della lotta iniziata il 1 ottobre davanti ai cancelli di Leroy Merlin a Castelsangiovanni. Come sempre, il Si Cobas ha adottato la strategia del blocco alle merci per far valere le ragioni dei 125 lavoratori che stanno rischiando il posto (di cui 123 iscritti alla nostra sigla)". Si legge in una nota del sindacato.

"Dalle 5 del mattino - prosegue a nota - il presidio ha tenuto duro nonostante il grande dispositivo di forze dell’ordine messo in campo dalla questura e nonostante la clamorosa assenza di Usb, che dopo aver speculato sulla vicenda a mezzo stampa nei giorni scorsi ha pensato bene di farsi vedere solo per cinque minuti, giusto il tempo di fare una foto per la stampa".

"Abbiamo saputo in seguito che questa “comparsata” è stata numericamente ridotta a causa di una dissidenza interna a detta sigla, ma ciò che ci disgusta è come questo ennesimo episodio caricaturale arrivi a seguito di un periodo di forti tensioni fra Usb e il nostro sindacato, che verteva proprio sulla loro incapacità di crearsi una minima base di consenso all’interno dei magazzini, supplita con strumenti che col sindacale hanno poco a che spartire".

"Ciò che conta - conclude - in ogni caso, è la compattezza e la determinazione dimostrata dai lavoratori davanti ai cancelli, che ha costretto Leroy Merlin ad accettare una trattativa. Già domani infatti sarà mandato a Piacenza il viceamministratore delegato, in arrivo direttamente da Parigi".

"Una ennesima dimostrazione di forza del sindacato che continua a riconfermarsi punto di riferimento per i lavoratori dei magazzini piacentini in mezzo ad attacchi concentrici ininterrotti, l’ultimo dei quali avrebbe voluto – lo diciamo con il sorriso sulle labbra ma anche con la consapevolezza di una malafede attiva da parte di una certa quota di mondo giornalistico – addirittura ricondurre a dinamiche sindacali dei fatti di sangue recentemente avvenuti in città. Poco male, di fronte alla forza dei risultati che come sempre contraddistingue il Si Cobas".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Esce di strada e l'auto si incastra nel fosso, due feriti

  • Tir carico di formaggi si ribalta lungo la Provinciale

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Investito da una fiammata, gravissimo

  • In bilico sul viadotto dell'A21, i poliziotti della Stradale lo salvano appena in tempo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento