Passò più volte da Piacenza durante i suoi viaggi l’ereditiera americana che ispirò i romanzi di Henry James

Passò più volte, durante i suoi viaggi in Italia, da Piacenza - ed apprezzava la nostra città - Caroline Fitzgerald, l’ereditiera americana che somiglia molto a Isabel Archer, la protagonista del celebre romanzo Ritratto di signora di Henry James; anche perché colui che meglio di tutti ha raccontato la società a cavallo tra l’800 e il 900, trovava l’ispirazione dei suoi personaggi osservando la vita delle amiche che frequentava. E questa signora - fino a poco tempo fa sconosciuta - era amica di James. A provarlo una serie di lettere che Caroline scrisse al romanziere nato americano ma morto inglese. Lettere scoperte da un avvocato e storico dell’arte, Gottardo Pallastrelli, di origini piacentine, essendo nipote del pittore-ritrattista Uberto Pallastrelli, a cui la Banca di Piacenza ha dedicato, due anni fa, una mostra curata da Vittorio Sgarbi. Lo studio e la traduzione di queste missive hanno talmente appassionato l’avv. Pallastrelli (presentato alla Sala Panini da Gianmarco Maiavacca) che la vita di Caroline Fitzgerald è diventata un libro, Ritratto di signora in viaggio. Un’americana cosmopolita nel mondo di Henry James (Donzelli editore), presentato dall’autore a Palazzo Galli. «Caroline partiva da Parigi - ha raccontato Gottardo Pallastrelli - arrivava a Torino e poi scendeva a Piacenza, Parma, Bologna, Firenze e infine Roma». La nostra città le piaceva, anche se una volta c’era talmente caldo che durante il soggiorno piacentino si ammalò. Un’altra volta fu costretta a fermarsi a Bobbio perché stava malissimo (è sempre stata di salute cagionevole) e spedì una cartolina dall’Orrido di Barberino.

«Nel 2016 mi trovavo a Parigi alla ricerca di libri antichi - ha spiegato l’autore - e quasi per caso mi sono imbattuto in una ventina di lettere che questa sconosciuta signora aveva scritto a Henry James. La sua storia mi ha affascinato a tal punto che ho deciso di scriverne la biografia». Caroline nacque nel Connecticut (1865). Presto si trasferì in Europa, prima a Ginevra (dove conobbe Victor Hugo), poi a Londra, dove frequentò i salotti mondani e incontrò James. Amante della poesia e studiosa di sanscrito, sposò un lord inglese dal quale divorziò 5 anni dopo. Durante uno dei suoi viaggi in Italia conobbe un medico-esploratore, Filippo De Filippi, che sposò. Accompagnò il marito in viaggi avventurosi (in India visitò il Ladakh e il Kashmir) nonostante i problemi di salute, perché vedeva i viaggi come opportunità di emancipazione femminile. Morì di polmonite a Roma, il giorno di Natale del 1911. «Caroline è stata un’eroina - ha concluso l’avv. Pallastrelli - perché ha gestito il proprio destino in modo originale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella notte: muore un uomo, ferita una 40enne

  • Trovato morto vicino al suo camion, indagini in corso

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Dalla logistica la merce rubata finiva in negozi compiacenti: 14 persone in carcere

  • Dopo sei anni incontra per caso l'uomo che la rapinò e ferì con un cacciavite e lo fa denunciare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento