«Sfrutto i social per denunciare il malcontento nel Pd, ma non sono la nuova Serracchiani»

Katia Tarasconi, consigliera regionale dem, rilancia il suo “congresso” parallelo del partito sui social: «Nessun big nazionale mi ha mai telefonato, molti dirigenti fanno fatica a salutarmi e pensano che cerco visibilità, però tanti militanti da tutta Italia la pensano come me». Sulla città: «La Ztl aperta alle 18 non porta benefici, serve un centro storico pedonalizzato». «In Regione Bonaccini ha lavorato bene»

Katia Tarasconi, consigliera regionale del Partito Democratico

«Vogliamo votare per qualcosa e non per qualcuno. Ecco perché promuovo un altro congresso». Katia Tarasconi, consigliera regionale del Partito Democratico (con un passato da assessore al commercio a Piacenza) da diversi mesi sta cercando di risvegliare il suo partito, alle prese con una crisi profonda di identità, contenuti e, ovviamente, di voti. Dopo la batosta elettorale del 4 marzo, l’immobilismo del partito a livello nazionale ha provocato una forte reazione nella piacentina. Che in due interventi in Assemblea nazionale (è delegata), a luglio e novembre, ha strigliato i vertici. Più preoccupati di scegliere il nuovo segretario, rispetto al tentativo di ricostruire una casa del centrosinistra italiano solida. Tarasconi ha perciò lanciato sui social un suo congresso alternativo, che cerca di raccogliere alcune proposte in vista del congresso vero dell’8 marzo.

  • Consigliera, come mai si sta impegnando a picconare il suo partito, il Pd?

Non l’ho "picconato", se l’avessi fatto avrei detto ben altro. Sono stata critica e mi sono permessa di esprimere un malcontento generale, facendo da portavoce per molti altri che la pensano così. Dopo quegli interventi impiego non so quante ore della giornata a parlare e scrivermi con gente da tutta Italia sui problemi che sta vivendo il partito. Tanti si fanno sentire perché non sanno cosa fare nel Pd per cambiarlo. Per questo sto portando avanti un congresso parallelo di ascolto a quello nazionale: ci sono tante persone che non si riconoscono minimamente nell’attuale Governo, ma neanche nell’opposizione. Vorrebbero un’alternativa e questa non c’è. Sfrutto i social perché è l’unico mezzo che ho, non ne ho altri, non ho la televisione e i talk show a disposizione. Il Pd ora non ha identità:  occorre discutere ed è per quello che sono intervenuta in due diverse occasioni in Assemblea.

  • Le sue critiche sono state rilanciate da tutta la stampa nazionale.

Il mio primo intervento in Assemblea l’avevo fatto a luglio. Ero stata ancora più critica ma non fui ripresa. A novembre ho parlato per prima dopo la relazione del segretario uscente Maurizio Martina, quindi mi hanno ascoltato tutti, comprese telecamere e giornalisti lì presenti per sentire Martina. Il mio messaggio è stato un po' travisato: non ho detto ai dirigenti di ritirarsi dalla politica, di sparire. Ho chiesto di ritirarsi dalla candidatura a segretario. Ero per fare un congresso diverso, ognuno ha scritto la sua mozione ma non c’è stata discussione. Prima occorreva rispondere a tante domande, poi cercare le persone che rappresentavano le istanze.

  • Tanti sui social dicono che sta copiando Debora Serracchiani, che dopo un intervento simile al suo nel 2009 venne “cooptata” da Katia Tarasconi-11Dario Franceschini ai vertici del partito.

No, per niente. A me non ha telefonato nessuno dei big. Non ho mai avuto neanche mezzo dialogo con nessuno. E tanti dirigenti fanno fatica a salutarmi.

  • Nessun dirigente nazionale l'ha chiamata per chiederle contezza delle critiche?

No! Incredibile: fossi stata nei leader, vista la reazione tra gli iscritti e simpatizzanti ai miei interventi, avrei cercato di capire cosa sta avvenendo nella base. Invece niente.

  • A livello locale come sono stati giudicati i suoi interventi dal partito?

Si va da chi non ha apprezzato - perché pensano che cerco visibilità - a chi mi sta dando una mano per farsi sentire. Poi ci sono quelli che dicono di aspettare un attimo perché "bisogna vedere quello che succede". È assurdo anche questo: non c’è nessuno entusiasta di questo congresso. Come si fa a trasmettere l’entusiasmo agli elettori se non ce l’hanno neanche i dirigenti?

 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Compagni ma siete ancora qui a menare il torrone??? Il sole dell’avvenire è tramontato: per sempre . Sparite sciò o fatevi vedere al Circo Togni nel reparto reperti antichi

  • Il PD ha fatto errori enormi e li sta scontando meritatamente. Un bagno di realismo ( aprire gli occhi sulla società e stop alle posizioni più o meno ideologiche) potrebbe fargli riprendere quota, considerato anche che il tempo che trascorre (e l'andamento economico) raffredderà gli entusiasmi per questo governo bislacco. Occorre però scegliere una strada senza ambiguità: o (usando le vecchie definizioni) andare a "sinistra" (vera) o optare per una scelta "socialdemocratica" (moderna). E poi linea dritta. Per il prosieguo si sconta però la mancanza di un personaggio di qualità e carisma adeguati visto anche che i "vecchi" sono più o meno logori.

  • Qualcuno mi spiega quali ideali di sinistra ha portato renzi nel pd ?oppure quali valori hanno portato la Lorenzin fa scelta civica traslocando al pd oppure ancora meglio Alfano?tralasciamo i rosato o i Romano o le morani o picierno,tutta gente che ogni volta che parla il pd perde voti.non possiamo dimenticare la prezzemolina piacentina che ad ogni suo alito tracollano le preferenze.uscite dalle ideologie e ascoltate la gente per strada non nei vostri congressi dove ve la cantate tra di voi con buffet illimitato

  • Avatar anonimo di Maurizio
    Maurizio

    non è vero che il PD non ascolta o non ha identità il fatto è che si va in ordine sparso, una barca va avanti solo se i rematori spingono all'unisono. Ora il problema non è il segretario, va sostenuto chi viene eletto, (peccato che non valeva anche per Renzi e così il PD ha fatto karakiri e ora ricominciamo daccapo), ma i numeri che non ci sono, se non si pensa a fare sintesi come in una famiglia allargata accordandosi con le altre forze che si rifanno ai valori della sinistra che non cambieranno mai. la gente ha creduto al cambiamento, il risultato negativo si comincia a vedere, la campagna diffamatoria dei 5s ha funzionato e ci vorrà del tempo perché la gente riconosca o ammetta di aver sbagliato. Quindi basta con i personalismi e pensiamo piuttosto a far capire bene le cose come stanno alla gente fuorviata dalla Casaleggio associati

    • Ma una parola di seria autocritica è chiedere troppo? e la campagna diffamatoria e la gente che ha sbagliato e che dovrà riconoscerlo... il PD ha fatto hara-kiri con Renzi??? forse ha imparato da chi disse 'Enrico stai sereno'. Poi mi scusi ma a casa mia i valori della sinistra non hanno mai avuto a che fare con perle tipo 'Con Marchionne senza se e senza ma' o con i patti del Nazareno... Adesso fate i banchetti per spiegare le mille ragioni per mandare a casa il governo... ho una proposta: trovatene 10 di ragioni per farvi votare nuovamente guardando in faccia la gente e prendete appunti; potrebbe essere illuminante.

      • Avatar anonimo di Maurizio
        Maurizio

        mettila come vuoi, questi stanno facendo come e peggio, stai sereno con quello che dicono i due vice e che il giorno dopo ritrattano, autocritica? si errori se ne fanno, ma forse stavi meglio co n Berlusconi e poi Monti. vai a vedere gli indicatori Istat non le balle di Travaglio che tra l'altro deve risarcire per diffamazione

        • Con il Berlusca a patti ci è sceso qualcun altro che, tra l'altro, è un maestro nel ritrattare (se non sbaglio voleva abolire il senato per poi prenderne il paracadute per non dover mantenere la promessa fatta in caso di sconfitta al referendum; che bell'esempio di coerenza eh?); restano i 10 motivi per votare PD... troppi vero? ti capisco; ascolta trovane 5 dai, dovrebbe essere possibile anche per un partito dalle idee chiare e limpide come il PD.

    • forse vanno in ordine sparso proprio perchè la fusione che agli inizi del millennio portò alla nascita del pd era una malriuscita operazione di potere tra due forze che avevano l'unico obiettivo di soggiogare l'altra. Direi che prima si separano e meglio è

    • di aver sbagliato? scusa.. le alternative quali erano? ridare voto al PD dopo i loro vari governi tecnici forzati?? ri-darlo al Berlusca? Io, il cambiamento lo vedo, gli africani non sbarcano piu', gia SOLO per questo son contento di averli votati! altro che sbagliato..

  • Non mi entusiasmo x la “famiglia del Mulino Bianco “

  • Cara signora Tarasconi, per essere credibile avrebbe dovuto dare voce al malcontento degli italiani quando il suo partito era al governo, facendo danni irreparabili. Ora, crede che qualcuno la ascolti? i membri del suo stesso "partito"? gli italiani che erano scontenti prima? ..chi?

    • C’è ben poco da picconare, ormai è rimasto solo un po’ di pietrisco comunque credo che tutti coloro, Che mettono il proprio impegno anche solo per esprimere un loro pensiero o idea mettendo la loro faccia, in un regime di libertà meritano il profondo rispetto. Tra questi Tarasconi compresa!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violentata a 18 anni, arrestati i due amici 35enni

  • Cronaca

    Via Guerra, trovato senza vita in casa dopo giorni

  • Economia

    Acqua e tutela del territorio, occorre invertire la rotta

  • Cronaca

    Vicino alla stanza da letto 18 piante di marijuana, 32enne piacentino in manette

I più letti della settimana

  • Tir si ribalta e prende fuoco in A21, autostrada chiusa

  • Blitz nel campo nomadi, ecco parte della refurtiva: «Chi ha subito furti e la riconosce si rivolga ai carabinieri»

  • "Decolla" sullo spartitraffico e poi si schianta contro quattro auto in sosta, traffico in tilt

  • Schianto all'incrocio, auto si ribalta. Una donna all'ospedale

  • Centomila euro per amore alla ballerina di lap-dance, lei si difende: nessuna circonvenzione, solo un amico

  • Cercano di rubare in chiesa, il prete chiama la polizia. Arrestati tre piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento