Cronaca

«Satana esci da questo corpo» e abusa della moglie per 40 anni, condannato

In crisi mistica, l’uomo abusava della donna dicendole “Satana esci da questo corpo”. Il giudice invia gli atti alla procura per un’inchiesta su violenza sessuale. La difesa: nessuna violenza, solo un comportamento riprovevole

Il giudice lo ha condannato a un anno in più di quanto chiesto dal pm e anche rinviato gli atti alla procura affinché si indaghi per il reato di violenza sessuale. Quarant’anni di maltrattamenti alla moglie - abusata anche durante un esorcismo - e a un figlio sono costati a un piacentino 4 anni di reclusione e una provvisionale di 30mila euro nei confronti della ex moglie. L’uomo è stato prosciolto dai maltrattamenti nei confronti dei figli perché il reato è caduto in prescrizione. Il giudice Fiammetta Modica ha condannato a quattro anni di reclusione un piacentino di 64 anni, accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della ex moglie, di 65, e dei figli. Il pubblico ministero Antonio Rubino aveva chiesto la pena di 3 anni.

L’uomo è stato prosciolto dal reato di maltrattamenti verso un figlio, perché il reato è prescritto. Il giudice, oltre disporre una provvisionale di 30mila euro per la donna - che si è costituita parte civile con l’avvocato Mara Tutone - ha trasmesso gli atti alla procura perché si indaghi sull’uomo per violenza sessuale. Il difensore del 64enne, l’avvocato Wally Salvagnini, ha chiesto l’assoluzione dicendo che non c’erano state violenze, ma solo comportamenti riprovevoli. Nessun maltrattamento, ha sostenuto Salvagnini, anche perché quella relazione era in corso da decenni e lei si è separata solo nel 2012. La difesa attenderà le motivazioni della sentenza e poi presenterà appello. L’ennesima storia di maltrattamenti è cominciata, a Piacenza, alla fine degli Anni 70. L’uomo, secondo le accuse della procura, avrebbe da subito avuto un comportamento da padre padrone verso la moglie e i figli. Ai suoi scatti di violenza non sfuggivano né la donna né i due figli, il più grande in particolare.

Il bersaglio principale delle sue angherie era la moglie. I due sono separati dal 2012. Oltre che a picchiarla (la difesa di lei ha anche prodotto certificati del pronto soccorso) l’uomo l’avrebbe insultata e umiliata in tante occasioni. E la costringeva spesso ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà. Alla donna, incapace di reagire a quelle aggressioni, il marito raccontava di avere delle amanti e la mortificava, facendola sentire inferiore, riferendosi al suo aspetto fisico. Ma il peggio sarebbe avvenuto dopo una crisi mistica che aveva coinvolto l’uomo, secondo il racconto della donna. «Satana, esci da questo corpo» le avrebbe detto mentre abusava di lei. Insomma, una condizione di maltrattamenti continui, come hanno affermato in aula i figli e alcuni vicini di casa. La donna si era rivolta al Centro antiviolenza ed è subito stata seguita. Tuttora la 65enne è in terapia e in aula è stata seguita da due operatrici di “Non una di meno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Satana esci da questo corpo» e abusa della moglie per 40 anni, condannato

IlPiacenza è in caricamento