Cronaca Via Dante / Viale Dante Alighieri

Cercano di rubare in chiesa, il prete chiama la polizia. Arrestati tre piacentini

Il terzetto puntava al denaro delle offerte alla Santissima Trinità. Un prete si è insospettito e ha chiamato la polizia che li ha colti sul fatto. Processati, per loro il giudice ha disposto l’obbligo di firma

La chiesa della Santissima Trinità

Avrebbero tentato di rubare le offerte dalle cassette, ma la prontezza di un sacerdote ha mandato in fumo il colpo avvertendo la polizia che li ha arrestati mentre si trovavano ancora in chiesa. I tre, accusati di tentato furto alla Santissima Trinità, sono stati processati per direttissima e il giudice ha disposto per loro l’obbligo di firma.

Il tentativo di furto è avvenuto sabato. Il terzetto, tutti piacentini di 43, 46 e 62 anni (con diversi precedenti penali), avrebbe cercato di prendere il denaro dalle cassette delle offerte. Un prete aveva notato quei tre uomini seduti proprio vicino alla cassetta, alla quale sembra avessero già tentato di introdurre il nastro adesivo per poi recuperare le monete (ma non ci sono riusciti). Il sospetto del sacerdote, che ha chiamato il 113, era fondato: i poliziotti li hanno trovati ancora in chiesa e li hanno arrestati.

I tre hanno preferito non rispondere alle domande del giudice Laura Pietrasanta. Il pm Sara Macchetta aveva chiesto il divieto di dimora in città, mentre i difensori la remissione in libertà oppure l’obbligo di firma. Il giudice ha deciso per quest’ultima misura. I due più giovani sono stati difesi dall’avvocato Valentina Marchettini, mentre il 62enne è stato assistito dall’avvocato Paolo Bosi, il quale è anche suo amministratore di sostegno. L’udienza è stata rinviata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cercano di rubare in chiesa, il prete chiama la polizia. Arrestati tre piacentini

IlPiacenza è in caricamento