In quarantena coltiva marijuana in casa, arrestato

In manette un 27enne. Lo hanno arrestato i carabinieri di San Nicolò nella sua abitazione di Calendasco

Quanto sequestrato

Nei giorni scorsi, i carabinieri di  San Nicolò nella serata del 6 aprile a Calendasco hanno arrestato un 27enne, per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. In casa, in una stanza chiusa a chiave, aveva allestito una serra di piantine di marijuana di circa 10 centimetri. Dentro un cartone, in un angolo della stessa stanza dove c'era la serra per far crescere le piantine, aveva nascosto 70 grammi di marijuana già essiccata.  Nelle camere da letto invece, nel comò e nell’armadio, in mezzo ai vestiti aveva nascosto due barattoli, di vetro e plastica, con ulteriori 24 grammi di "erba".  Al giovane arrestato non mancava certo materiale vario per la coltivazione: lampada, aspiratore e ventilatore e quello per il successivo confezionamento della droga. La sostanza stupefacente, le piantine, tutto il materiale rinvenuto, è stato sequestrato. Il 27enne è stato arrestato e, dopo le formalità di rito, è stato riportato a casa. E' stato processato per direttissima in videoconferenza, per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento