rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Tessere Spi-Cgil, la procura chiede di assolvere i cinque sindacalisti

Inchiesta Spi: secondo la procura i cinque imputati devono essere assolti dal reato di truffa. L’indagine dei carabinieri aveva accertato che 129 persone erano state iscritte a loro insaputa al sindacato Spi della Cgil

La mattina del 17 luglio, il pubblico ministero Antonio Rubino ha chiesto al giudice Maurizio Boselli di prosciogliere i cinque sindacalisti dello Spi-Cgil per quanto riguarda i 22 pensionati che hanno formalizzato la remissione di querela oggi stesso in aula, per prescrizione, mentre è stata chiesta l’assoluzione sempre per i sindacalisti in relazione ai rimanenti 29 che avevano deciso di proseguire con l’azione penale. Per il pm, i cinque imputati non hanno commesso il fatto. Secondo l’accusa, è difficile sapere e provare chi di loro ha iscritto a loro insaputa i pensionati, a causa del complesso giro di passaggi informatici che hanno contrassegnato la vicenda. L’assoluzione così è stata chiesta per Edgardo Musselli, Franco Sdraiati, Loredana Riva, Nicola Gasbarro e Anna Maria Nicocia. A questa richiesta si sono associati i difensori dei cinque, mentre la parte civile, cioè la Cgil, ha chiesto un risarcimento di 100mila euro.

In totale, l’indagine dei carabinieri aveva accertato che 129 persone erano state iscritte a loro insaputa al sindacato pensionati Spi della Cgil, che mensilmente tratteneva la quota di iscrizione. Durante il processo 78 persone avevano ritirato le querele, a queste se ne sono aggiunte altre 22, per un totale di 100, a cui lo Spi ha restituito il denaro. L’indagine era scoppiata nel 2009, quando l’allora segretario Cgil, Gianni Copelli, aveva parlato manovre strane allo Spi dopo la segnalazione di alcuni pensionati che non si erano iscritti allo Spi, ma versavano le quote. Per iscriversi, occorreva firmare una delega allo Spi il quale autorizzava l’istituto di previdenza del lavoratore - Inps o Inpdap - a trattenere la quota che sarebbe poi stata accreditata al sindacato. Venne allora aperta un’indagine, affidata ai carabinieri e la procura indagò i cinque sindacalisti. Il giudice ha rinviato l’udienza al 25 settembre, quando ci sarà spazio per eventuali repliche di accusa e difesa e verrà letta la sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tessere Spi-Cgil, la procura chiede di assolvere i cinque sindacalisti

IlPiacenza è in caricamento