rotate-mobile
Cronaca

Maltratta e picchia la moglie, condannato a due anni e mezzo

Maltrattava la moglie e l’ha picchiata in diverse occasioni, arrivando anche a fratturarle quattro dita di una mano. Un marocchino di 50 anni è stato condannato nella mattina del 7 febbraio a due anni e mezzo di reclusione con le accuse di maltrattamenti in famiglia, lesioni e porto di coltello

Maltrattava la moglie e l’ha picchiata in diverse occasioni, arrivando anche a fratturarle quattro dita di una mano. Un marocchino di 50 anni è stato condannato nella mattina del 7 febbraio a due anni e mezzo di reclusione con le accuse di maltrattamenti in famiglia, lesioni e porto di coltello. Il giudice Italo Ghitti ha aumentato di sei mesi la richiesta di condanna del pm Antonio Rubino. Inoltre, il giudice ha stabilito un risarcimento di 10mila euro. I due, oggi separati, vivono a Piacenza. I fatti sarebbero avvenuti tra il 2009 e il 2013. La donna, coetanea, stanca di subire le violenze del coniuge si era decisa a denunciarlo, facendo scattare le indagini che hanno portato l’ex marito ad affrontare il processo. L’uomo è stato difeso dall’avvocato Antonino Rossi, mentre la donna si è costituita parte civile con l’avvocato Mara Tutone. Quest’ultima ha presentato al processo anche i certificati medici che attestavano le lesioni subite dalla donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltratta e picchia la moglie, condannato a due anni e mezzo

IlPiacenza è in caricamento