Maltrattamenti alla Vittorino, parte il processo e sarà a porte chiuse

Per tutelare i bambini. Due maestre imputate. Tre famiglie si sono costituite parti civili. Nella prossima udienza il via ai testimoni, poi le analisi dei video e forse le audizioni protette dei giovani alunni

Si svolgerà a porte chiuse, per tutelare i bambini, il processo nei confronti di tre maestre della scuola primaria Vittorino Da Feltre accusate di maltrattamenti nei confronti di alcuni alunni. Il dibattimento, presieduto dal giudice Sonia Caravelli, pm Antonio Rubino, si è aperto il 16 giugno, ma è stato rinviato in dicembre.

Nella prossima udienza saranno sentiti tre testimoni, gli investigatori della sezione investigativa della Polizia locale che hanno svolto le indagini che, nel novembre 2017, portarono a tre indagati. Inoltre, il giudice ha respinto diverse eccezioni della difesa sull’ammissibilità di alcune prove. Il processo vede numerosi testimoni che in aula saranno sentiti, oltre all’analisi delle registrazioni video e - se sarà necessario - dell’audizione, in modalità protetta, dei bambini. Le insegnanti, Stefania Innamorato, 46 anni, ed Elena Fazio, di 59, entrambe in aula, sono difese rispettivamente dagli avvocati Flavio Dalla Giovanna con Giada Boccellari (Foro di Milano) e da Romina Cattivelli. Due famiglie si sono costituite parti civili con l’avvocato Marco Guidotti e una con Claudio Borgoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le tre insegnanti (una sarà prosciolta nel giugno del 2019) erano state indagate e due vennero arrestate e poi tornate in libertà, nel novembre del 2017 dopo un’indagine della Polizia locale, svolta alla Vittorino. L’indagine del Sezione investigativa Polizia Locale, e coordinata dal sostituto procuratore Antonio Colonna, partì dopo la segnalazione di una educatrice di sostegno alla dirigente scolastica, la quale informò la procura. Gli investigatori posizionarono alcune telecamere nella classe, riprendendo comportamenti anomali, sempre secondo le accuse, in particolare nei confronti di alcuni bambini che avevano difficoltà di apprendimento (uno di loro era autistico). Schiaffi, umiliazioni, il tentativo di infilare a forza il ciuccio in bocca e derisioni, le condotte adottate, secondo la procura, dalle insegnanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento